fbpx



Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Approfondimenti Bergamo Medicina Notizie Locali Lombardia

Pressione bassa per il troppo caldo: cosa fare?

blank
Redazione 5 Luglio 2024
blank

Si alzano le temperature, l’umidità e il vento caldo fanno padroni delle giornate estive: come gestire l’abbassamento della pressione arteriosa, la cosiddetta “pressione bassa”?
Agli aspetti positivi della stagione più calorosa dell’anno, si accompagnano quelli negativi e “nocivi” della salute. Sono diversi i problemi di salute che compaiono proprio in estate e la pressione bassa è uno di quelli.

Un abbassamento della pressione arteriosa che può farsi sentire con una moltitudine di sintomi. Per fortuna, l‘ipotensione, conosciuta come pressione bassa, non è un fattore di rischio cardiovascolare, a differenza della più insidiosa e diffusa ipertensione (pressione alta) e, in genere, con semplici accorgimenti, è possibile limitare il disagio.

Ne parliamo con il dottor Alberto Cremonesi, responsabile del Dipartimento cardiovascolare di Humanitas Gavazzeni.

Dottor Cremonesi, perché l’estate favorisce la pressione bassa?

“Le temperature elevate favoriscono la dilatazione dei vasi sanguigni e la disidratazione, fattori che, entrambi, abbassano la pressione”.

Quali sono i sintomi spia e quali le cause?

“Stanchezza, vertigini, debolezza muscolare, mal di testa o un po’ di nausea. Si tratta di disturbi fastidiosi che talvolta possono essere il preludio di uno svenimento, soprattutto se il caso pressorio è repentino”.

“Esistono diverse forme di ipotensione. Una della più comuni è quella che si manifesta successivamente al rapido passaggio dalla posizione sdraiata a quella in piedi. Nei giovani si presenta spesso subito dopo aver ingerito alimenti, soprattutto se troppo velocemente”.

Si dice che le donne sono le più colpite dalla pressione bassa: è vero?

“L’ipotensione è molto comune nelle donne in età fertile a causa degli ormoni durante il ciclo mestruale. Estrogeni e progesterone agiscono sui vasi sanguigni favorendone la dilatazione. Il fenomeno può essere ancora più marcato in gravidanza a causa di una maggiore produzione di progesterone e al ‘peso del bambino’ che riduce il ritorno di sangue venoso al cuore”.

Cosa possiamo fare per prevenire episodi di pressione bassa?

“Nella stagione calda può giovare l’assunzione di integratori salini, fitoterapici (guaranà, polline) ad azione stimolante, oppure di liquirizia che aumenta la pressione. Importante idratarsi: almeno 1,5-2 libri al giorno di acqua. Consigliato anche fare sempre un’attività fisica moderata – sono sufficienti 20 / 25 minuti di camminata veloce al giorno – perché durante l’esercizio la pressione aumenta e ciò permette all’organismo di abituarsi a variazioni di pressione”.

Se sentiamo che stiamo per svenire cosa possiamo fare?

“Bisogna sdraiarsi a terra e sollevare le gambe per evitare lo svenimento. Inoltre possiamo ricorrere anche ad alcune semplici manovre che fanno alzare la pressione, come la contrazione massimale delle dita delle mani (hand-grip) oppure contrazioni dei muscoli delle gambe, per esempio a gambe incrociate”.

Fonte: www.gavazzeni.it
Articolo tratto dall’intervista al dott. Alberto Cremonesi pubblicata da Corriere della Sera – Salute nel luglio 2022, dal titolo “Un problema che è favorito dal troppo caldo, pressione bassa”

Tags: