fbpx



Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Bergamo Medicina Notizie Locali Lombardia

Continuità assistenziale a Bergamo: avvio della Centrale UNI.CA

blank
Francesca 3 Luglio 2024
blank

Sabato 6 luglio il territorio bergamasco vedrà l’avvio di una nuova organizzazione del servizio di Continuità Assistenziale (ex guardia medica): la Centrale UNI.CA di Bergamo che risponde al numero 116117.

Continuità assistenziale a Bergamo: avvio della Centrale UNI.CA

Tutti i cittadini che necessitano di assistenza sanitaria non urgente negli orari non coperti dal proprio Medico di medicina generale dovranno contattare il numero 116117. Componendolo si verrà indirizzati alla Centrale UNI.CA dove, a differenza del passato, risponderanno gli stessi medici di Continuità assistenziale, i quali vaglieranno le richieste e potranno eventualmente risolverle senza far spostare il paziente, avvalendosi anche della videochiamata, ed effettuare direttamente anche prescrizioni dematerializzate.

Con questa modalità operativo-organizzativa, le sedi di CA verranno sgravate dalla funzione di primo filtraggio telefonico e presa in carico: i medici potranno così concentrare l’attività per le prestazioni ritenute necessarie. Per questo motivo viene chiesto di contattare il 116.117 e di non auto presentarsi nelle sedi ambulatoriali.

Le ASST aderenti

L’avvio delle Centrale UNI.CA Bergamo è il punto di arrivo di un percorso condiviso tra la Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia, AREU, ATS Bergamo, ASST Papa Giovanni XXIII, ASST Bergamo Est e ASST Bergamo Ovest. Alle spalle, l’esperienza consolidata della Centrale UNI.CA già attiva nei territori di ATS Montagna e ATS Città Metropolitana di Milano.

La sperimentazione avviata nella città di Milano a luglio del 2023 ha fornito dati incoraggianti sull’utilizzo di questa nuova modalità di accesso alla continuità assistenziale: sono state gestite 73.000 chiamate di cui il 65% unicamente da remoto con la nuova centrale UNI.CA ed il tempo medio di attesa per il cittadino, per poter parlare con un professionista sanitario, è stato di circa 4 minuti. La centrale ha consentito quindi di rispondere a migliaia di richieste provenienti dal territorio metropolitano, senza la necessità di spostamenti da parte dell’utenza. 

Novità

  • Con l’introduzione del nuovo modello organizzativo, non ci si potrà più presentare in autonomia nelle sedi della C.A. ma l’assistito verrà indirizzato direttamente dalla Centrale UNI.CA, solo nel caso necessitasse di visita in presenza, all’ambulatorio di Continuità Assistenziale attivo più prossimo. Alla Centrale UNI.CA spetterà anche decidere se attivare una visita domiciliare.
  • Le fasce orarie di attivazione del numero unico 116117 sono le seguenti: tutti i giorni dalle 19 alle 8 della mattina seguente; prefestivi e festivi H24

Obiettivi

  • Migliorare l’efficienza organizzativa della Continuità Assistenziale (CA)
  • Migliorare le capacità diagnostiche
  • Favorire l’assistenza domiciliare, in particolare per i pazienti che presentano fragilità
  • Ridurre il sovraffollamento dei Pronto Soccorso, considerato che la metà degli accessi ai PS si potrebbero gestire al di fuori del dipartimento di Emergenza-Urgenza, essendo casistica a medio-bassa intensità relativa a traumatologia minore, problematiche mono specialistiche e problematiche mediche acute non urgenti;

Il medico di CA potrà erogare:

  • Consulenza telefonica con l’eventuale supporto di videochiamata;
  • Visita medica ambulatoriale o domiciliare;
  • Prescrizioni farmaceutiche per una terapia non differibile e per coprire un ciclo di terapia non superiore a 48/72 ore;
  • Certificazione di malattia per i lavoratori turnisti limitatamente ai giorni coincidenti con le aperture della Continuità Assistenziale.

Il Medico di CA non potrà erogare:

  • Ripetizioni di ricette in terapie croniche;
  • Trascrizioni su ricettario S.S.N. di prescrizioni di altri medici;
  • Certificati per attività sportiva;
  • Prescrizione di esami diagnostici, strumentali e di visite specialistiche;
  • Certificazioni per riammissione a scuola/asilo nido.

Chi non ha il medico assegnato

Al di fuori degli orari di attività della Centrale UNI.CA, gli assistiti senza medico di famiglia assegnato, in caso di necessità, dovranno rivolgersi agli Ambulatori Medici Temporanei (AMT) dell’ASST di competenza.

Fonte: www.asst-pg23.it

Tags: