fbpx



Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Comunicazioni Notizie Locali Lazio Notizie Locali Lombardia Notizie Locali Piemonte

Bonus da 200€ per lavoratori e pensionati: a chi spetta e come ottenerlo

blank
Redazione 3 Maggio 2022
blank

È stato presentato ieri il Decreto Aiuti, all’interno del quale figurano anche interventi per contenere il caro bollette e contrastare l’aumento dell’inflazione con l’arrivo per dipendenti, autonomi e pensionati di un bonus una tantum di 200€: vediamo insieme a chi spetta questo bonus e come richiederlo.

Bonus di 200€: cos’è e a chi spetta

Ben 28 milioni di italiani saranno interessati dal nuovo Bonus, come ha spiegato il premier Mario Draghi: la misura vale oltre 6 miliardi e per finanziarla è in arrivo un aumento dal 10 al 25% della tassa sugli extraprofitti (o meglio sul maggior valore aggiunto) delle imprese energetiche. Un bonus una tantum da 200€, destinato destinato a lavoratori dipendenti, autonomi e pensionati con redditi sino a 35 mila euro lordi.

Bonus di 200€: come richiederlo e quando arriva

Ai pensionati il Bonus sarà pagato direttamente dall’Inps e sarà caricato nel cedolino di luglio. I lavoratori dipendenti lo riceveranno in busta paga, nel mese di giugno o luglio, e sarà erogato direttamente dai datori di lavoro che lo recupereranno al primo pagamento imposta. Restano ancora da definire le modalità per i lavoratori autonomi: dovrebbe essere istituito un fondo ad hoc, che sarà creato a breve.

Bonus bollette retroattivo

Il Consiglio dei ministri ha deciso di prorogare per altri tre mesi il bonus sociale per aiutare famiglie in difficoltà con il pagamento delle bollette, visto l’aumento dei costi dell’energia. Il Bonus sociale per le bollette diventa retroattivo: eventuali pagamenti di somme eccedenti saranno automaticamente compensati in bolletta una volta presentato l’Isee.

Prorogato il taglio delle accise sui carburanti

Prorogato fino all’8 luglio il taglio delle accise sui carburanti: la riduzione di 25 centesimi al litro dell’imposta di produzione (ovvero 30,5 con l’aggiunta dell’Iva) è confermata. L’accisa sulla benzina viene fissata a 478,40 euro per mille litri, quella sul gasolio a 367,40, il Gpl a 182,61 euro per mille chilogrammi. L’accisa sul gas naturale usato per autotrazione scende a zero. L’aliquota Iva applicata al gas naturale usato per autotrazione scende dal 22 al 5%.

Fonte: Governo

Tags: