fbpx
Caricamento

Type to search

Comunicazioni Medicina

Amianto, il 28 aprile è la giornata per non dimenticare

Redazione 26 Aprile 2018
Social

Non se ne parla molto, quasi fosse ormai un ricordo da cancellare. Le morti per amianto nel mondo sono state tantissime, e il 28 aprile di ogni anno, quindi sabato, cade il giorno mondiale della memoria.

In Italia, a ricordarci del tema c’è la AIEA, Onlus senza fini di lucro, la quale si prefigge a livello globalel’abolizione dell’amianto (o asbesto) in ogni sua forma: estrazione, impiego produttivo, commercializzazione ecc.
L’AIEA in relazione agli attuali livelli di conoscenza scientifica sui danni causati alla salute dalla inalazione di fibre di amianto, sostiene che non esiste alcun livello minimo di soglia al di sotto del quale vi sia sicurezza, quindi la massima concentrazione accettabile di fibre deve essere zero, ovvero MAC=0.

L’associazione è nata dal movimento di lotta per la salute “Medicina Democratica” ed è stata fondata il 18 marzo 1989 a Casale Monferrato con la denominazione di “Associazione Esposti Amianto” (AEA), il logo era l’urlo di Munch.

Per informazioni su iniziative vi rimandiamo al sito dell’associazione.

L’anno scorso, anche Sky ha contribuito al ricordo della tragedia di molte famiglie, soprattutto a Casale Monferrato e dintorni, con la programmazione di “un posto sicuro” su Sky Cinema Cult. Il cast vede la partecipazione Giorgio Colangeli (In Fondo al Bosco), Marco D’amore (Gomorra) e Matilde Gioli (Il Capitale Umano). La regia è di Francesco Ghiaccio.

l’hashtag della giornata sui social è #tuttiuniticontrolamianto

ti piace tisostengo? metti like alla nostra pagina facebook!

Tags:
Menu