fbpx
Caricamento

Type to search

Brescia Medicina Notizie Locali Lombardia Top

Esine: ritorna End Leukemia Now, il progetto per diffondere la donazione di midollo

Redazione 30 Gennaio 2020
Social

Dopo il successo dello scorso anno ritorna in Valle Camonica  “End Leukemia Now”, il progetto di sensibilizzazione promosso dall’ADMO Provincia di Brescia in collaborazione con il Rotary Club Lovere Iseo Breno e l’ASST Valcamonica: un progetto ambizioso che si propone di diffondere la donazione del midollo osseo, una scelta che  permette di curare molte malattie del midollo osseo, del sangue e del sistema immunitario altrimenti incurabili quali leucemie, linfomi, mielomi, talassemie,…

“Siamo fieri ed orgogliosi di poter contribuire alla diffusione di End Leukemia Now, perché riteniamo che essere donatori significhi guardare alla speranza con occhi positivi e costruttivi -esordisce il Presidente del Rotary Club Lovere Iseo Breno, Massimo Ghetti – Chi dona manifesta concretamente il proprio impegno verso la comunità locale e globale con attenzione alle persone: un gesto che si inserisce profondamente nei valori di solidarietà e di “servizio” che caratterizzano il Rotary”.

End Leukemia Now è una espressione dell’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) provinciale di Brescia che da qualche anno sta promuovendo azioni per la propagazione delle informazioni e il reclutamento di volontari.

“Siamo molto impegnati sul fronte della diffusione della cultura della donazione e della raccolta di volontari -afferma Yuri Senici, Presidente ADMO Provincia di Brescia– I nostri numeri devono continuare a crescere, perché solo una persona su 100.000 è compatibile con chi è in attesa di trapianto di midollo osseo. La donazione può scrivere una nuova pagina nella storia personale di un paziente affetto da gravi malattie del sangue, spesso bambini, poiché offre l’opportunità di ritrovare la salute e una speranza di vita. Come associazione e come donatori sentiamo la responsabilità dell’impegno di continuare a sollecitare i territori e i giovani tra i 18 e i 35 anni a questo servizio”.

“Grazie ad iniziative come questa continua la preziosa collaborazione fra il mondo del volontariato e la Sanità in Vallecamonica – dichiara Direttore Generale dell’ASST della Valcamonica, Maurizio Galavotti – Questo spirito ci permette di ottenere un valore aggiunto importante, sia dal punto di vista scientifico che dal punto di vista umano. Un grazie dunque all’Associazione ADMO, al Rotary e a tutti i camuni che hanno aderito ed aderiranno a questa importante iniziativa!

Così, il prossimo sabato 08 febbraio 2020, dalle ore 9,30 alle ore 17,00, presso l’ingresso dell’Ospedale di Esine sarà allestito un info-point sul tema della donazione del midollo osseo e sarà possibile effettuare un prelievo di sangue per iniziare l’eventuale percorso.

“Grazie al personale aziendale che si è reso disponibile saranno allestiti due ambulatori con medici ematologi che valuteranno l’idoneità alla donazione – spiega il Direttore Sociosanitario, Ing. Maurizio Morlotti – Se il candidato donatore soddisferà tutte le regole del reclutamento, si potrà procedere alla tipizzazione”

“La tipizzazione per gli antigeni HLA, cioè la verifica della possibilità per il volontario di divenire donatore , viene eseguito su una piccola quantità di sangue prelevato in quella sede anche se non a digiuno- aggiunge la Dott.ssa Silvia Brasa, Direttore Medico di Presidio dell’Ospedale di Esine– Si tratta di un esame piuttosto complesso che viene eseguito solo da alcuni laboratori specializzati, come il Servizio Immuno-Trasfusionale dell’ASST Spedali Civili di Brescia che ringraziamo per la preziosa collaborazione. Il prelievo sarà gestito da un’équipe di infermieri  volontari del nostro Presidio.”

“Ci piacerebbe consolidare il successo dell’anno scorso, in cui  sono stati eseguiti 79 prelievi a riprova di una grande attenzione nei confronti della difficile mission dell’ADMO -completa la Dott.ssa Roberta Chiesa, Direttore Sanitario dell’ASST della Valcamonica -Secondo le indicazioni sanitarie potranno donare i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni ed un peso corporeo superiore a 50 Kg, perché le loro cellule sono biologicamente più attive e in grado di rimpiazzare completamente il midollo osseo, mentre il sesso è indifferente. Una volta accertata l’idoneità alla donazione, questa rimarrà valida fino fino al raggiungimento dei 55 anni”.

Alla simpatica comicità di Claudio Lauretta e alle sue “Imitamorfosi”  è affidato il compito di coinvolgere il maggior numero di giovani possibile nel corso dello spettacolo “IO HO UN MIDOLLO! E TU?”, lo show ideato da Loretta Tabarini che ha arricchito la serata anche con il Corpo Musicale Santa Cecilia, una sfilata di moda e gioielli e artisti emergenti.

Venerdì sera 7 febbraio alle 20.45, il palco del Garden Multisala a Darfo Boario Terme vedrà alternarsi personaggi amati dai ragazzi e momenti di informazione per raggiungere il maggior numero di possibili volontari -dichiara Loretta Tabarini, organizzatrice dell’evento– La scelta di coinvolgere Claudio Lauretta (imitatore,attore e comico visto a Striscia la Notizia, Markette, Zelig, Chiambretti Night, Glob, Quelli che il calcio, Italia’s Got Talent, Le Iene, Colorado e Mai dire Talk e parte del cast fisso della trasmissione radiofonica Ciao Belli in onda su Radio DJ) è sicuramente di grande impatto tra il grande pubblico, ma anche i musicisti e la moda hanno una grande attrattiva. L’obiettivo è, quindi, di amplificare l’informazione affinché più giovani possibili raccolgano la sollecitazione alla donazione! L’ingresso è gratuito”.

Fonte: www.asst-valcamonica.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu