fbpx



Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Bergamo Brescia Como Comunicazioni Cremona Lecco Lodi Mantova Milano e Hinterland Monza e Brianza Notizie Locali Lombardia Notizie Locali Piemonte Pavia Sondrio e Valtellina Top Torino Varese

Green Pass obbligatorio: cosa cambia da settembre

blank
Redazione 26 Agosto 2021
blank

Da mercoledì 1 settembre il Green Pass (o certificazione verde) obbligatorio verrà esteso anche ai trasporti, alla scuola e all’università: ecco tutte le novità.

Treni, autobus e trasporti urbani

Green pass obbligatorio per salire su treni Intercity, Intercity Notte e Alta Velocita (cioè tutte le Frecce e l’Alta velocità di Italo); obbligo anche per gli autobus che svolgono un servizio «in modo continuativo o periodico» su un percorso che collega più di due regioni e per gli autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente.
Per quanto riguarda i trasporti urbani non cambia nulla: metropolitane, tranvie, bus urbani e regionali sono esclusi dalle nuove regole.

CLICCA QUI per sapere come ottenere il tuo Green Pass

Aerei e traghetti

Per tutti i voli nazionali sarà obbligatorio esibire il Green pass. Sui voli internazionali europei è già obbligatorio, ma bisogna prestare attenzione in quanto è riconosciuto il Green pass da tampone, da guarigione o da vaccinazione completa da almeno 14 giorni.
Certificazione obbligatoria anche per accedere a navi e traghetti che effettuano trasporto interregionale. Se il traghetto collega due luoghi della stessa regione non sarà necessario presentare il Green Pass. Unica eccezione i collegamenti marittimi nello stretto di Messina: nonostante interessino due regioni non servirà il green pass.

Chi è esente

Potranno accedere senza green pass ad aerei, treni, navi e autobus i minori di 12 anni e i soggetti che non possono vaccinarsi per motivi di salute «sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti dal Ministero della salute».

CLICCA QUI per leggere il nostro articolo “Arriva il certificato di esenzione dal vaccino: quello che c’è da sapere”

Scuola

Da settembre tutto il personale, docente e non docente, deve possedere la certificazione verde. Chi non rispetterà la disposizione non potrà accedere alle strutture scolastiche e verrà considerato in «assenza ingiustificata». Al quinto giorno il rapporto di lavoro verrà sospeso e il dipendente non percepirà più lo stipendio.

Niente obbligo, invece, per gli alunni. Le lezioni saranno svolte in presenza con mascherina obbligatoria a partire dai 6 anni; raccomandato il distanziamento di almeno un metro, dove possibile, ed è vietato accedere a scuola con temperatura superiore ai 37,5°.

Aggiunto anche l’obbligo per genitori, professionisti esterni, personale mensa e visitatori.

Università

Anche per il personale universitario scatta l’obbligo di green pass. Assenza ingiustificata per chi non ne è in possesso o non lo esibisce e sospensione senza stipendio dopo il quinto giorno di assenza come per il personale scolastico.

Per partecipare alle lezioni in presenza anche gli studenti devono possedere ed esibire il certificato verde. Controlli e verifiche sul rispetto di queste prescrizioni «dovranno essere svolte a campione con le modalità che ogni ateneo individuerà».

Anche in questi casi, l’obbligo di green pass non si applica a personale scolastico e universitario e a studenti che, con certificazione medica, risultano esentati dalla campagna vaccinale.

Ospedale (novità 16 settembre)

Il tampone sarà obbligatorio anche per accedere al pronto soccorso, fatta eccezione per i casi urgenti a esclusiva valutazione del personale sanitario nel momento del triage (da dl approvato al Senato in data 15/09/2021)

Fonte: www.governo.it

Tags: