Caricamento

Type to search

Medicina Sistema Sanitario Top

Pronto Soccorso in Lombardia: come scegliere?

Giovanni Deleo 31 ottobre 2018
Social

Chi non è mai stato in un pronto soccorso può ritenersi fortunato, per molti altri spesso si è trattato di una esperienza lunghissima con interminabili ore di attesa dopo una visita al momento dell’arrivo. Se si hanno diversi ospedali vicino a casa come scegliere dove andare? E cosa sono i colori che si vedono sul proprio braccialetto e sui monitor vicino al proprio numero di ingresso.

Salutile Pronto Soccorso San GerardoPartiamo dalla prima domanda: chiariamo subito che una volta chiamato il numero unico per le emergenze sarà la centrale operativa a prendere questa scelta per voi sulla base delle condizioni trovate all’arrivo dell’ambulanza, della distanza dei presidi ospedalieri e del numero di pazienti in ogni struttura. Se invece potete raggiungere il pronto soccorso con mezzi propri, c’è un modo per sapere in anticipo quante persone sono in attesa (in proporzione alla capacità ricettiva) e scegliere di conseguenza la struttura che potrà visitarvi e trattarvi più velocemente: “SALUTILE Pronto Soccorso” è l’app di Regione Lombardia che riporta l’elenco dei P.S. regionali e soprattutto il numero delle persone in coda, i tempi di attesa e l’indice di affollamento. Oltre a questo, la sua interfaccia comunica con Google Maps e consente di trovare indicazioni di navigazione in poco tempo.Salutile Pronto Soccorso Mappe

In merito alla seconda domanda, il Pronto Soccorso ha la missione di salvare il maggior numero di vite, per questo è impossibile seguire un ordine temporale nel trattare i pazienti in coda: ad avere la precedenza sono SEMPRE coloro che arrivano in condizioni peggiori. Il fatto che spesso le strutture ricettive siano intasate è principalmente dovuto a una mancanza di filtro da parte del sistema sanitario, che spesso obbliga le persone a presentarsi in questi luoghi anche solo per una visita, in mancanza di altre possibilità.

Il metodo del Triage è utilizzato proprio per creare un ordine di priorità in base alle condizioni dei pazienti al momento dell’arrivo nella struttura e salvare più pazienti possibili. L’urgenza di ogni caso è rappresentata da un codice colore in base a una valutazione iniziale messa in atto da un infermiere specializzato in questo compito, che ha anche il difficile ruolo di creare da subito un legame con il paziente tale da consentirgli di ridurre l’ansia per lo stato in cui si trova. Per informazioni sul costo delle prestazioni cliccate qui.

 

I codici colore utilizzati (fonte: Ministero della Salute):

  • codice rosso: molto critico, pericolo di vita, priorità massima, accesso immediato alle cure;
  • codice giallo: mediamente critico, presenza di rischio evolutivo, possibile pericolo di vita;
  • codice verde: poco critico, assenza di rischi evolutivi, prestazioni differibili;
  • codice bianco: non critico, pazienti non urgenti.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia.

Fonte: Regione Lombardia
Tags:

Potrebbe interessarti

Menu