fbpx
Caricamento

Type to search

Bergamo Medicina Notizie Locali Lombardia

Nefropatia membranosa: esperti da tutto il mondo a Bergamo

Redazione 30 Aprile 2018
Social

Importante la possibilità per pazienti e familiari di fare domande agli esperti riuniti. L’appuntamento è per sabato 4 maggio presso il Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare “Aldo e Cele Daccò” di Ranica (Bergamo), dalle 15:30 alle 16:30. Proprio nei laboratori di Bergamo qualche anno fa è stata trovata una nuova cura.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia.

L’Istituto Mario Negri organizza presso il Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare “Aldo e Cele Daccò” di Ranica (Bergamo) la Terza Conferenza Internazionale sulla Nefropatia Membranosa, che vedrà a confronto i massimi esperti del settore in una discussione ampia e approfondita sulle ultime scoperte della ricerca e quali sono i meccanismi che portano alla malattia, in programma venerdì e sabato 4 e 5 maggio 2018.

La nefropatia membranosa è una malattia rara che colpisce prevalentemente gli adulti, provoca la perdita di proteine nelle urine e può portare a insufficienza renale nel 20% dei casi. Nel corso degli ultimi anni sono stati fatti importanti passi avanti sulle conoscenze della malattia, ma bisogna fare ancora molto per individuarne le cause. A Bergamo è stata trovata una nuova cura che dovrebbe diventare la prima scelta per tutti i centri.

Un momento molto importante dell’incontro specialistico sarà l’apertura di una sessione dei lavori ai pazienti e ai loro familiari, provenienti da tutta Italia, in programma sabato 4 maggio dalle 15.30 alle 16.30. I medici e i ricercatori invitati saranno a disposizione per un confronto e risponderanno alle loro domande. Tra i relatori saranno presenti i massimi esperti mondiali del settore: chi ha “scoperto” la malattia, chi ne sta studiando la genetica, chi ne sta indagando le possibilità di cura attuali. I pazienti potranno così valutare in prima persona quello che la ricerca sta facendo per aiutarli.

Fonte: comunicato Mario Negri (foto Wikimedia commons)

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu