fbpx
Caricamento

Type to search

Milano e Hinterland Notizie Locali Ricerca Top

Nuova terapia orale contro l’obesità sviluppata al San Donato

Redazione 19 Dicembre 2018
Social

Al San Donato è stata sperimentata una pastiglia che una volta ingerita rilascia un gel che assorbe acqua e crea volume, causando sazietà. I risultati dello studio sono incoraggianti: tutti coloro che sono stati trattati con Gelesis100 hanno ottenuto migliori risultati rispetto al gruppo a cui, invece, è stato somministrato il placebo. Non solo: il 27% dei pazienti sottoposti al trattamento Gelesis100, contro il 15% del gruppo placebo, si sono rivelati dei super-responder, cioè hanno avuto una perdita di peso maggiore del 10% nei sei mesi dell’osservazione.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Segue comunicato:

Il professor Livio Luzi, responsabile dell’Area di Endocrinologia e Malattie Metaboliche dell’IRCCS Policlinico San Donato, è tra gli autori dello studio multicentrico internazionale sull’efficacia e la sicurezza di Gelesis100, dispositivo medico per il trattamento del sovrappeso e dell’obesità. I risultati sono stati annunciati nell’ambito dell’ObesityWeek 2018, congresso annuale combinato dell’American Society for Metabolic and Bariatric Surgerye The Obesity Society, tenutosi recentemente a Nashville (Tennessee) e pubblicati sulla rivista Obesity.

Obiettivo dello studio è stato quello di valutare la variazione di peso corporeo, in adulti obesi o in sovrappeso, dopo sei mesi di trattamento con Gelesis100: una pastiglia da somministrare per via orale che, una volta ingerita, rilascia un gel capace di assorbire l’acqua e di creare un effetto di sazietà. Di conseguenza, la terapia limita l’assunzione di cibo, facilitando la perdita di peso.

Le pastiglie, da 2 a 4, di Gelesis100 vengono ingerite con abbondante acqua prima dei pasti principali. Una volta giunte nello stomaco le capsule si sciolgono e rilasciano un particolare gel che, a contatto con i liquidi, aumenta di volume contribuendo quindi a limitare la capacità dello stomaco. Dopo poche ore il gel assume una consistenza liquida e viene quindi espulso tramite le feci, senza in alcun modo essere assorbito dall’organismo.

Lo studio randomizzato in doppio cieco ha coinvolto 436 pazienti: a 223 è stato somministrato Gelesis100, ai restanti 213 un placebo. Il 59% degli adulti trattati con Gelesis100 ha ottenuto una perdita di peso di almeno il 5% contro solo il 42% del gruppo placebo. Inoltre, i pazienti a cui è stato somministrato il device si sono suddivisi in due gruppi: i responder, ovvero le 6 persone su 10 che hanno perso in media il 10% del peso corporeo totale (10 kg) e 9.7 cm della circonferenza vita, e i non-responder, che hanno perso in media l’1% del peso corporeo totale, cioè meno di 1 kg. Tutti coloro che sono stati trattati con Gelesis100 hanno ottenuto migliori risultati rispetto al gruppo a cui, invece, è stato somministrato il placebo. Il 27% dei pazienti sottoposti al trattamento Gelesis100, contro il 15% del gruppo placebo, si sono rivelati dei super-responder, cioè hanno avuto una perdita di peso maggiore del 10%.

Questi risultati confermano la natura di Gelesis100 come nuova e promettente terapia non sistemica, altamente sicura e tollerabile, per il trattamento del sovrappeso e dell’obesità.

“I Paesi industrializzati registrano un’inarrestabile crescita del sovrappeso e dell’obesità. Basti pensare che proprio l’obesità rappresenta la malattia metabolica più diffusa a livello globale, con oltre 600 milioni di pazienti obesi stimati. Una condizione patologica responsabile di 2.8 milioni di morti all’anno in tutto il mondo e che comporta elevati oneri clinici e socioeconomici – spiega il professor Livio Luzi, responsabile dell’Area di Endocrinologia e Malattie Metaboliche dell’IRCCS Policlinico San Donato – Pertanto, l’avere a disposizione questo nuovo presidio terapeutico, che non viene assorbito per via sistemica, peraltro sviluppato da un brevetto italiano, è di una rilevanza clinica notevole”.

Fonte: comunicato San Donato

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu