fbpx
Caricamento

Type to search

Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

San Raffaele, due giovani ricercatori premiati dalla Società Americana di Ematologia

Redazione 18 Dicembre 2019
Social

Durante la 61° edizione dell’ASH – il meeting annuale della American Society of Hematology (Società Americana di Ematologia), quest’anno a Orlando (USA) – sono stati premiati due giovani ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele: si tratta di Annamaria Aprile, che si è aggiudicata l’Ash Giuseppe Bigi Abstract Achievement Award, e Pier Edoardo Rovatti, che ha vinto l’Ash-Sie Abstract Achievement Award.

I due sono membri rispettivamente dei gruppi diretti da Giuliana Ferrari e Luca Vago, che insieme ad altri nomi del San Raffaele come Fabio Ciceri, Chiara Bonini e Matteo Bellone, erano a Orlando per raccontare la ricerca di frontiera in campo ematologico e oncoematologico svolta nell’ospedale milanese.

“Siamo particolarmente orgogliosi dei nostri giovani”, afferma il professor Fabio Ciceri, primario dell’Unità Operativa di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo e Vice Direttore Scientifico per la Ricerca Clinica dell’Ospedale San Raffaele. “I premi non sono solo la dimostrazione dell’eccellenza della ricerca svolta nei nostri laboratori, ma testimoniano che stiamo crescendo una nuova generazione di medici e scienziati che faranno la differenza”.

Le recidive della Leucemia Mieloide Acuta

Rovatti – 25 anni, originario di Verona e appena laureatosi all’Università Vita-Salute San Raffaele in Medicina e Chirurgia – lavora nel laboratorio di Immunogenetica, genomica e immunobiologia delle leucemie diretto da Luca Vago.

La ricerca premiata riguarda un tipo particolare di recidiva della Leucemia Mieloide Acuta, in cui le cellule tumorali, a seguito del trapianto di midollo, si nascondono dai linfociti T attraverso la mutazione di alcune proteine presenti sulla loro membrana.

Insieme ai colleghi dell’unità diretta da Luca Vago, Rovatti sta testando, per ora sui topi, un anticorpo particolare in grado di rendere il tumore di nuovo visibile al sistema immunitario, vanificando così il trucco usato dalla malattia.

I meccanismi alla base della beta talassemia

Nata in provincia di Alessandria, anche Annamaria Aprile si è laureata all’Università Vita-Salute San Raffaele, in Biotecnologie Mediche, per poi fare un dottorato a Roma-Tor Vergata e rientrare in seguito all’IRCCS Ospedale San Raffaele, nell’unità diretta da Giuliana Ferrari presso l’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica.

Il lavoro di Aprile esce dal campo oncologico e riguarda una malattia genetica rara del sangue, la beta talassemia, molto diffusa nell’area mediterranea. Nella beta talassemia i globuli rossi sono incapaci – a causa di una mutazione genetica – di trasportare con efficienza l’ossigeno.

La ricerca di Aprile ha dimostrato per la prima volta che anche le cellule staminali del sangue – da cui derivano i globuli rossi – si comportano in modo anomalo nei pazienti malati. Secondo i primi risultati ottenuti dal gruppo, modificare il microambiente del midollo osseo, in cui queste cellule vivono, potrebbe costituire una nuova strategia terapeutica. 

Fonte: www.hsr.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu