fbpx
Caricamento

Type to search

Bergamo Notizie Locali Top

La capanna che unisce: il presepe del Papa Giovanni XXIII

Redazione 25 Dicembre 2018
Social

Strutturare percorsi che mettano in comunicazione le strutture penitenziarie con altri ambiti istituzionali, in primis le scuole e gli ospedali: questo l’obiettivo del progetto “La capanna che unisce”, che ha avuto come protagonisti i piccoli pazienti dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (di Pediatria, Trapianti pediatrici, Chirurgia pediatrica, Chirurgie specialistiche e Cardiochirurgia pediatrica), i loro genitori e alcuni detenuti del carcere di Bollate e di Bergamo.
Le attività, svolte insieme tutti i venerdì di novembre nella hall della Pediatria, hanno portato a realizzare un presepe nell’Hospital Street dell’ospedale, accanto alle torri che ospitano la maggior parte dei reparti pediatrici. Il progetto, condotto da Luisa Colombo, artista e arteterapeuta, responsabile del gruppo “Oltrelesbarre – arteterapia in carcere“ del carcere di Bollate, con il sostegno del Centro Studi Parlamento della Legalità, sezione di Milano e di alcune aziende, che hanno fornito a titolo gratuito il materiale necessario.stella cometa papa giovanni xxiii
Due ore in cui detenuti, genitori e bambini hanno realizzato la scenografia e i personaggi del Presepe, in collaborazione con Frate Mauro, della Cappellania ospedaliera dell’Ordine dei Frati minori Cappuccini, e con gli insegnanti della Scuola in Ospedale, Istituto comprensivo “I Mille”.
Lavorare insieme ha dato la possibilità di dare spazio alla creatività di chi si è lasciato coinvolgere, ma soprattutto di creare legami e di condividere il tempo e l’esperienza, situazioni che si sposano perfettamente con le finalità e gli obiettivi dell’ambizioso progetto di costruire ponti. Collegare i penitenziari ad altre realtà significa soprattutto mettere in comunicazione esseri umani, la cui esperienza è stata segnata da eventi particolarmente dolorosi, che siano malattie e lunghi periodi di ricovero o la perdita della libertà come conseguenza dei reati commessi.
I detenuti presenti, tutti già in regime alternativo di detenzione, sono stati accuratamente scelti dalle Direzioni dei penitenziari coinvolti; sono stati una risorsa per i piccoli utenti ma soprattutto hanno vissuto un’opportunità per se stessi, imparando a offrire gratuitamente il proprio tempo ai bambini e alle loro famiglie, attraverso attività ricreative. Una possibilità che bene si colloca
all’interno dei percorsi dell’approccio riparativo, riabilitativo e di rieducazione, all’interno dei quali i detenuti vengono inseriti.
È la prima volta che due carceri di città diverse si trovano a collaborare insieme a un unico progetto, rivolto a donare un sorriso ai più piccoli. Decisivo è stato l’appoggio, il sostegno e la sensibilità della Direzione e degli operatori dell’ospedale Papa Giovanni, che hanno permesso a questa esperienza di riuscire appieno nel suo intento, ponendo le basi per una proficua collaborazione dagli evidenti risvolti umani. La Direzione dell’Ospedale ha voluto che quest’anno l’immagine degli Auguri dell’Azienda sociosanitaria fosse proprio una fotografia del Presepe.
Un ringraziamento particolare a Cartiera Fratelli Rotta di Oggiono, Vinavil Spa di Milano, ICMA di Mandello Lario, UPM KYIMMENE Srl di Osnago e Gima Spa di Gessate per il sostegno offerto all’iniziativa.

Comunicato Papa Giovanni XXIII

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu