fbpx
Caricamento

Type to search

Approfondimenti Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

Sindrome dell’ovaio policistico: segni, sintomi e cure

Redazione 28 Maggio 2021
Social

La sindrome dellovaio policistico (PCOS) è il disordine endocrino più frequente dell’età riproduttiva, interessa il 5-10% delle donne in età fertile e può influire negativamente sul metabolismo e sulla capacità riproduttiva: parliamo di segni, sintomi e cure con la dottoressa Maria Rosaria Parisen Toldin, ginecologa di Humanitas.

Che cos’è la sindrome dell’ovaio policistico

Si parla di sindrome dell’ovaio policistico quando sono presenti almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • irregolarità mestruali con assenza del ciclo mestruale, cicli molto brevi o molto lunghi con conseguenti disfunzioni ovulatorie, che influenzano quindi la fertilità della donna;
  • segni di iperandrogenismo (aumento degli ormoni maschili) che si manifestano con irsutismo (aumento della peluria sul viso e sul corpo soprattutto in alcune zone), acne e alopecia (ridotta qualità e quantità di capelli). L’iperandrogenismo è inoltre responsabile della mancata maturazione follicolare, con conseguente assenza dell’ovulazione e dell’aumento del rischio di sindrome metabolica;
  • ovaie policistiche all’ecografia, ovvero ovaie di dimensioni superiori alla norma, contenenti un gran numero di piccoli follicoli.

Spesso alla sindrome dell’ovaio policistico si associa un quadro di iperinsulinemia, che causa insulino-resistenza. La manifestazione più frequente dell’insulino-resistenza è una difficoltà a perdere peso, che contribuisce a un ulteriore aumento della produzione di androgeni, aggravandone il quadro clinico.

Non tutte le pazienti affette da PCOS presentano la stessa sintomatologia, in quanto sono possibili diverse combinazioni.

Quali sono le cause della sindrome dell’ovaio policistico?

Le cause della sindrome dell’ovaio policistico non sono ancora completamente note, ma pare sia dovuta a una combinazione di fattori genetici e ambientali.

Trattandosi di un disturbo dell’età fertile, spesso i sintomi della patologia si sviluppano con la comparsa delle prime mestruazioni (menarca), ma non è raro che compaiano anche negli anni successivi.

Quali conseguenze può comportare la patologia?

Le conseguenze a breve, medio e lungo termine sono importanti e comprendono obesità, infertilità, diabete, malattie cardiovascolari (ipertensione e ipercolesterolemia), depressione, apnea ostruttiva durante il sonno e aumento del rischio di tumore dell’endometrio.

L’infertilità nel 40% dei casi è dovuta alla difficoltà di concepimento per un fattore disovulatorio e a una maggiore incidenza di problematiche ostetriche (quali aborto, diabete gestazionale, macrosomia fetale, preeclampsia, anomalie congenite).

La visita ginecologica per la diagnosi

La sindrome dell’ovaio policistico viene diagnosticata dallo specialista ginecologo qualora vi sia il sospetto di iperandrogenismo o di disfunzioni ovulatorie associate a un quadro ecografico di ovaio policistico e solo dopo aver escluso altre cause di iperandrogenismo. 

Durante la visita ginecologica, infatti, lo specialista avrà modo di raccogliere informazioni sul ciclo mestruale, caratteristiche fisiche della paziente, eventuali patologie familiari e tramite ecografia transvaginale confermare la presenza o meno di ovaie policistiche. Se necessario a completamento del quadro diagnostico verrà richiesto anche un prelievo di sangue per valutare l’assetto ormonale, il profilo lipidico e glicemico, la funzionalità tiroidea e la vitamina D.

Come si cura la sindrome dell’ovaio policistico?

La sindrome dell’ovaio policistico viene trattata in maniera differente in base alle sue manifestazioni. Per limitare i segni di iperandrogenismo può essere utile l’assunzione della pillola estro-progestinica (anticoncezionale), mentre per le pazienti con alterazioni del ciclo mestruale che ricercano una gravidanza, si cerca di indurre l’ovulazione con vari approcci terapeutici in base al quadro clinico, all’età e alla durata del periodo di ricerca della gravidanza (calo ponderale, attività fisica, variazione dello stile di vita, clomifene citrato, metformina, inositolo, gonadotropine o IVF).

In ogni caso adottare un corretto stile di vita: alimentazione sana e equilibrata, perdita di peso (qualora la paziente fosse sovrappeso) e attività fisica regolare, sono fondamentali per aiutare a prevenire le conseguenze più severe di questa sindrome.

Fonte: www.humanitas.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu