fbpx
Caricamento

Type to search

Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

A Giovanna Campioni il premio Bakken Innovation

Redazione 16 Gennaio 2019
Social

Per la prima volta nella storia del premio, a vincere è una persona affetta da cardiopatica congenita una complessa malformazione del cuore sin dalla nascita che ha costretto Giovanna a delicate operazioni chirurgiche all’estero e in Italia.

Oltre a superare la malattia, Giovanna Campioni è diventata un punto di riferimento per gli altri malati impegnandosi attivamente per AICCA (Associazione Cardiopatici Congeniti Adulti) arrivando ad esserne coordinatrice nazionale. È anche membro del board di ECHDO (European Congenital Heart Disease Organization) e ha conseguito una specializzazione in Peer Counseling per dare sostegno psico-sociale ai pazienti portatori della stessa disabilità.

L’ospedale in cui è più attiva è il Policlinico San Donato, nei reparti di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dei Congeniti Adulti.

Insomma, ha fatto la differenza nella sua comunità. I nostri complimenti.

Seguono comunicato e video

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Giovanna Campioni, coordinatrice di AICCA Onlus – Associazione Cardiopatici Congeniti Adulti, ha ricevuto il prestigioso premio Bakken Invitation istituito da Medtronic Foundation. La cerimonia di premiazione è avvenuta sabato 12 gennaio alle Hawaii.

Il riconoscimento viene assegnato annualmente a quelle persone che, con l’aiuto della tecnologia medica, hanno superato gravi problemi di salute e hanno fatto la differenza all’interno della propria comunità, migliorando la vita degli altri e contribuendo sensibilmente all’avanzamento nella conoscenza e nel trattamento della malattia. Fra i 12 vincitori provenienti da tutto il mondo, Giovanna Campioni rappresenta l’Italia e, insieme ad altri due premiati, il continente europeo. Un riconoscimento importante per lo straordinario impegno di Giovanna e per il primato che questo porta con sé: per la prima volta nella storia del Bakken Invitation, a vincere è una persona cardiopatica congenita, affetta da una complessa malformazione del cuore sin dalla nascita.

Un’infanzia trascorsa tra gli ospedali quella di Giovanna, che ha superato quattro delicatissimi interventi chirurgici a cuore aperto, quando anche alcuni “luminari” della cardiochirurgia non le davano speranza. Giovanna Campioni, invece, non solo ce l’ha fatta, ma ha trasformato la sua vita in una preziosa risorsa per tutti gli altri malati, mettendosi all’opera in prima persona per AICCA, l’associazione nata nel 2009 con l’obiettivo di creare una rete di aiuto tra pazienti, con il supporto di medici, chirurghi e psicologi specializzati nella cura delle cardiopatie congenite. Da volontaria a Coordinatore Nazionale, oltre che membro del board di ECHDO (European Congenital Heart Disease Organization), con una specializzazione in Peer Counseling per dare sostegno psico-sociale ai pazienti portatori della stessa disabilità, soprattutto tra le corsie dei reparti di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e dei Congeniti Adulti dell’IRCCS Policlinico San Donato.

Un prestigioso riconoscimento come il Bakken Invitation è un’opportunità per aumentare la consapevolezza sulle cardiopatie congenite, non ancora adeguatamente riconosciute a livello clinico e sociale, e per contribuire al compimento del progetto di Giovanna Campioni e AICCA: costruire un network di aiuto a livello nazionale ed europeo per i pazienti, bambini, adolescenti e adulti, e i loro familiari. Un progetto che permette di indirizzarli verso i centri più specializzati a livello internazionale, fornire loro una rete di assistenza sociale, contribuendo con un supporto logistico ed economico, e un’adeguata consulenza psicologica.

In questo ambito spicca l’IRCCS Policlinico San Donato, centro di eccellenza nazionale ed europeo per la cardiologia e cardiochirurgia delle cardiopatie congenite su pazienti di ogni età, dal neonato all’adulto, nonché struttura di riferimento per la ricerca scientifica e l’approccio multidisciplinare alla patologia.

Qui un contributo di TV2000

 

Fonte: comunicato e tweet Policlinico San Donato

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu