fbpx
Caricamento

Type to search

Bergamo Brescia Como Comunicazioni Cremona Lecco Lodi Mantova Milano e Hinterland Monza e Brianza Notizie Locali Lombardia Notizie Locali Piemonte Pavia Sondrio e Valtellina Top Torino Varese

Congedi e bonus baby sitter: a chi spettano e come richiederli

Redazione 16 Marzo 2021
Social

Il Governo, con il Decreto Legge del 13 marzo 2021, n. 30, ha istituito una serie di aiuti a sostegno dei genitori lavoratori, anticipando nuovi congedi parentali e bonus baby sitter: ecco a chi spettano e come richiederli.

Bonus baby sitter

Può essere richiesto dai lavoratori iscritti alla gestione separata Inps, dai lavoratori autonomi, dal personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per far fronte al Covid, e anche da medici, infermieri, tecnici di laboratorio e radiologia, da operatori sanitari per i figli conviventi minori di anni 14.

Il bonus ha un limite massimo di 100€ settimanali e viene erogato mediante il libretto famiglia: può essere utilizzato per pagare i centri estivi e servizi integrativi per l’infanzia, servizi socio-educativi territoriali, centri con funzione educativa e ricreativa e servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.

Possono richiederlo anche i lavoratori autonomi non iscritti all’Inps: in questo caso però è necessaria una comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari.

Importante evidenziare che questo bonus può essere utilizzato solamente se l’altro genitore non accede ad altre tutele o al congedo Covid.

Congedi

Il genitore lavoratore dipendente con figlio under 14, se svolge un lavoro che non può essere eseguito a distanza in smart working, può astenersi da lavoro per un periodo corrispondente in tutto o in parte alla durata della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio, alla durata dell’infezione da Covid, nonché alla durata della quarantena del figlio.
Il congedo è retribuito al 50% e può essere chiesto anche dai genitori di figli con disabilità (in situazione di gravità accertata ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5febbraio 1992, n. 104), iscritti a scuole di ogni ordine e grado per le quali sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale per i quali sia stata disposta la chiusura.

Per i figli più grandi, tra i 14 e i 16 anni , uno dei genitori, ha diritto di astenersi dal lavoro senza alcuna retribuzione o indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Come fare richiesta

Al momento l’INPS non ha ancora comunicato le modalità di richiesta. Quando saranno note le istruzioni vi informeremo.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu