fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

Celiachia, al Policlinico di Milano disponibile Gluten Detect, il test che va “a caccia” del glutine

Redazione 31 Gennaio 2020
Social

Al Policlinico di Milano è disponibile il Gluten Detect, un test innovativo per seguire nel tempo i pazienti affetti da celiachia: viene erogato dal Servizio sanitario nazionale al solo costo del ticket, ed è indicato principalmente ai pazienti celiaci che non rispondono alla dieta senza glutine, anche se la sua utilità può essere estesa teoricamente a tutti coloro che hanno questa intolleranza.

A chi non è capitato di sentirsi stanco, e con difficoltà a concentrarsi in ufficio? Succede davvero a tutti: soprattutto se si hanno 35 anni e si fa un lavoro molto impegnativo, come Laura. Dopotutto Laura soffre da tanti anni di anemia da carenza di ferro, una cosa davvero molto frequente nelle donne: prende già un integratore, non è preoccupata. Però, a pensarci bene, è già da qualche mese che si sente un po’ scombussolata. Di recente si è anche aggiunta una diarrea cronica che non la fa sentire tranquilla.

Il medico le consiglia un test per la celiachia: il primo risultato è positivo, ma per avere una diagnosi certa serve fare una biopsia. È una procedura semplice, mininvasiva, che conferma il risultato: l’intestino di Laura ha segni di atrofia, ed è proprio quello il segnale della celiachia. Dovrà mangiare senza glutine, ma almeno ora potrà stare bene. E ora, che fare? Da chi farsi seguire? Servono dei controlli periodici oppure no? Come imparare a mangiare correttamente? E sua figlia, che ha solo 6 anni, potrà diventare celiaca?

I dubbi sono tanti, ed è per questo che Laura vuole affidarsi a degli specialisti. Li trova al Centro per la Prevenzione e Diagnosi della Malattia Celiaca del Policlinico di Milano.

“La celiachia – spiega Luca Elli, referente del Centro celiachia al Policlinico – è una patologia autoimmune scatenata dall’alimentazione con glutine, e porta a un’atrofia del piccolo intestino e ad un possibile malassorbimento degli alimenti. In Italia ne soffre lo 0.5-1.0% della popolazione, anche se negli ultimi anni si è assistito ad un aumento di casi. Il motivo è legato sia a un miglioramento degli esami per scoprire la patologia, sia ad un suo reale incremento”.

Come si diventa celiaci? Di celiachia si sente parlare spesso, ma non sempre è chiaro a tutti in cosa consiste. Ad esempio, celiaci si nasce o lo si diventa? “Si nasce con la predisposizione genetica, ma non tutte le persone predisposte diventano celiache. È una malattia multifattoriale, ovvero sono tanti i fattori che possono scatenarla, e può insorgere a qualsiasi età”. Anche per questo, una delle prime cose che il Centro mette in atto con Laura è un piano di controlli periodici, che prevede esami del sangue nel tempo e uno screening dei famigliari di primo grado. È così che scopre, prima della comparsa di qualsiasi sintomo, che anche sua figlia è celiaca.

“Attualmente – continua Elli – questa è considerata una patologia cronica senza possibilità di regressione. La persona che si scopre celiaca e si affida al nostro Centro viene visitata da un gastroenterologo, che valuta il tipo di monitoraggio migliore per lei. Nei pazienti senza particolari altre patologie è previsto un controllo clinico con esami del sangue una volta l’anno, ed è possibile anche ricevere supporto dal punto di vista nutrizionale. In pazienti che invece abbiano anche altre malattie, soprattutto se autoimmuni, intervengono in squadra diversi specialisti, che valutano il singolo caso e possono programmare eventuali approfondimenti”.

Il Policlinico è anche il primo centro pubblico italiano a rendere disponibile un test innovativo, molto importante per seguire nel tempo i pazienti celiaci e controllare costantemente la loro risposta alla dieta senza glutine. Il test si chiama Gluten Detect, ed è in grado di ‘stanare’ i frammenti di glutine che vengono trattenuti nelle feci. “In questo modo – spiega l’esperto – si può capire se vi siano delle contaminazioni nella dieta e quindi se i sintomi riportati dal paziente siano causati da un’alimentazione scorretta, oppure se vanno approfonditi in qualche altro modo”. Il test è erogato dal Servizio sanitario nazionale al solo costo del ticket, ed è indicato principalmente ai pazienti celiaci che non rispondono alla dieta senza glutine, anche se la sua utilità può essere estesa teoricamente a tutti coloro che hanno questa intolleranza.

“Questo test – conclude l’esperto – ci aiuta a tarare meglio il percorso che affronta la persona con celiachia: serve infatti a capire se vi siano delle ingestioni inconsapevoli di glutine e quindi ad indirizzare meglio il paziente da un punto di vista nutrizionale”.
Ora che Laura segue una alimentazione adatta, la sua qualità di vita è cambiata radicalmente. È più energica, si concentra proprio come faceva una volta, ed è più serena. Sceglie i cibi con cura, con più consapevolezza, e qualche volta cucina con la sua bimba. Non è difficile – si ripete sempre – se sai come farlo.

Fonte: www.policlinico.mi.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu