fbpx
Caricamento

Type to search

Comunicazioni Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

I reparti Materno-Infantili dell’ospedale di Garbagnate sono “puliti”

Amministratore 25 Ottobre 2020
Social

La direttrice dei reparti di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Garbagnate, Maria Luisa Muggiasca, ci tiene a comunicare che i punti Materno-Infantili sono assolutamente sicuri.

La nascita è un evento gioioso per ogni famiglia e, nonostante l’emergenza che caratterizza questi giorni, deve essere vissuto in un ambiente sereno e in massima sicurezza.

Per gli accompagnatori ci sono regole da rispettare, misure temporanee e straordinarie legate alla necessità di preservare quanto più possibile la salute dei degenti e degli operatori.
L’Ostetricia funziona a pieno regime: il servizio di Anestesia e Rianimazione supporta costantemente l’area del parto; gli ambulatori ostetrici sono regolarmente aperti; gli ambulatori di fisiologia e di patologia ostetrica, differenziati per livello di intensità di cure, garantiscono un’assistenza personalizzata e di qualità a mamma e feto. “Nell’ambito dell’assistenza prenatale, abbiamo riattivato percorsi specifici dedicati alle mamme che hanno avuto un precedente taglio cesareo e che desiderano affrontare un travaglio di prova o l’esperienza di un parto naturale. Anche in caso di gravidanza gemellare non complicata siamo al fianco della donna per sostenerla e supportarla nella decisione del parto vaginale.
A Garbagnate queste scelte sono possibili grazie alla presenza di un’assistenza ostetrica one-to-one, vale a dire una professionista per ciascuna mamma – dice Muggiasca – Grande attenzione è posta anche all’allattamento al seno, sostenendo e supportando le neo mamme affinché questa meravigliosa esperienza possa proseguire il più a lungo possibile.”

Gli ambulatori neonatali rimangono aperti regolarmente, anche per i controlli del peso. Attivi e in massima sicurezza sono anche: l’ambulatorio di patologia neonatale, l’ambulatorio per l’ecografia l’anca, l’area pediatrica con tutti i suoi servizi essenziali.

Fonte: comunicato ASST Rhodense

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu