Caricamento

Type to search

Lecco Monza e Brianza Notizie Locali Top

Nascite in Brianza: età media delle mamme sopra ai 30 anni

Redazione 31 ottobre 2018
Social

9.862 i parti nel 2016 nel territorio di competenza della ATS Brianza. L’età media di mamme di cittadinanza italiana e straniera è rispettivamente pari a 33,1 e 30,1 anni. Alta la percentuale di parti naturali, quasi 4 su 5, rispetto alla media regionale e italiana. Concentrando l’attenzione sulle partorienti residenti nel territorio, i centri nascita con maggiore attività sono laFondazione Monza Brianza per il Bambino e la sua Mamma ( 26,1%) e gli ospedali di Carate (18,2%) e Lecco (17,8%).

<blockquote><b>Quello che leggi ti è utile? Regala <a title=”Tisostengo” href=”https://www.facebook.com/tisostengo/” target=”_blank” rel=”noopener”>un like alla nostra pagina Facebook</a> e <a title=”newsletter tisostengo” href=”http://www.tisostengo.com/newsletter”>iscriviti alla nostra newsletter</a> per restare sempre informato sulle novità in Lombardia</b></blockquote>

Abbiamo raccolto ed elaborato informazioni che descrivono l’andamento dei parti – spiega la Dott.ssa Elisabetta Merlo della Direzione Sanitaria – attraverso il Servizio Epidemiologia della nostra Agenzia di Tutela della Salute”.

Presso i presidi territoriali dell’ATS della Brianza nel 2016 (i dati del 2017 sono ancora in fase di elaborazione e appaiono assolutamente allineati) – continua la Dott.ssa Merlo – si sono registrati, tramite le Schede di Dimissione Ospedaliera, 9.862 parti, di cui 7.542 (76%) a favore di donne residenti. La maggioranza (41%) dei parti sul nostro territorio, considerando anche chi è venuto da fuori ATS, è avvenuta negli ospedali dell’ambito territoriale della ASST di Monza e, in particolare, la Fondazione Monza Brianza per il Bambino e la sua Mamma (FMBBM) è la struttura che ha registrato il più alto numero di nascite (2.650, 27% del totale). Concentrando l’attenzione sulle donne residenti nel territorio dell’ATS della Brianza, i centri nascita con maggiore attività sono la Fondazione MBBM( 26,1%) e gli ospedali di Carate (18,2%) e Lecco (17,8%). Le strutture con maggior attrattività per soggetti non residenti sono l’Ospedale di Vimercate e la FMBBM (rispettivamente oltre un terzo e oltre un quarto del totale delle produzioni)”.

Sicuramente l’elemento più significativo è relativo alla grande percentuale di parti naturali: “Considerando la quota di parti cesarei effettuati, si riscontra un valore complessivo pari al 20,9% del totale dei parti, dato molto positivo e decisamente più basso rispetto al dato medio 2015 dell’Italia (34,1%) e della Lombardia (28%) e dunque più vicino a quanto raccomandato a livello nazionale e internazionale. Se andiamo poi a considerare l’andamento della gravidanza, in media nell’ATS quasi tre quarti dei parti è avvenuto in modo spontaneo, nel 79% dei casi è stato fisiologico e in oltre metà delle gravidanze sono state effettuate fino a 4 visite di controllo, mentre nei restanti casi ne sono state effettuate di più: secondo quanto indicato dalle Linee Guida ministeriali sulla gravidanza fisiologica non è possibile definire un numero ottimale di visite nei Paesi sviluppati, tuttavia viene identificato il numero soglia in quattro”.

Altro dato di rilievo riguarda l’età delle partorienti: “Non si riscontrano differenze di rilievo per quanto riguarda l’età al parto tra i tre distretti ATS l’età media per le donne di cittadinanza straniera non si discosta molto rispetto a quella relative alle donne italiane (in media, rispettivamente, 30,1 e 33,1 anni)”.

Fonte: comunicato ATS Brianza

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu