Caricamento

Type to search

Brescia Comunicazioni Notizie Locali Top

Spedali Civili: paziente grave rimpatriato da Tokyo

Redazione 31 ottobre 2018
Social

Una brutta pancreatite acuta a Tokyo che ha portato al ricovero di M.O., italiano, in una struttura locale. La situazione è ulteriormente peggiorata con due arresti cardiocircolatori che hanno radicalmente peggiorato la prognosi e reso difficilissimo ogni tipo di trasporto. Il ritorno in Italia è stato possibile grazie ai professionisti degli Spedali Civili di Brescia, che hanno reperito le attrezzature necessarie e hanno portato a termine la missione in due giorni.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

“Grazie alla professionalità ed abnegazione del Dr. Nazzareno Fagoni e dell’IP Marco Brognoli della 2° UO di Anestesia e Rianimazione del nostro Ospedale – riferisce il Dr. Belleri, Direttore Generale della ASST Spedali Civili di Brescia – un nostro connazionale ricoverato a Tokyo in gravissime condizioni, ha potuto essere trasportato e rimpatriato con un aereo attrezzato, ed è ora ricoverato nella nostra struttura.”
In breve la storia. Il paziente M.O. è stato ricoverato a Tokyo alla fine di agosto per una pancreatite acuta che si è successivamente complicata con due arresti cardiocircolatori, che hanno compromesso in modo importante il suo stato di salute.
I genitori, in Italia, hanno da subito tentato disperatamente di avvicinare il figlio, cercando di far riportare il paziente in una nostra struttura ospedaliera, missione non priva di difficoltà e di rischi, sia in relazione allo stato di salute del ragazzo, che alla necessità di attrezzare un volo medicalmente assistito con professionisti sanitari in grado di assicurare il lungo viaggio.
“Siamo orgogliosi di poter confermare che il rimpatrio si è felicemente concluso il 22 ottobre scorso – dichiara ancora il Dr. Belleri – con il ricovero del paziente nel nostro Ospedale, dopo un lungo e faticoso viaggio che ha visto l’ASST Spedali Civili collaborare a stretto contatto con la Ambasciata Italiana a Tokyo, il Ministero degli Esteri, la Prefettura di Brescia ed Alitalia. Ringraziamo anche il Prof. Castelli ed il Prof. Rasulo che hanno costantemente collaborato con la Ambasciata, ed interagito con i medici giapponesi nella fase della dimissione. Ora il paziente è finalmente vicino alla sua famiglia”.
Ricordiamo che il Dr. Fagoni ed l’IP Brognoli si sono volontariamente resi da subito disponibili per accompagnare il rientro del paziente, reperendo nel più breve tempo possibile le attrezzature mediche necessarie, ed effettuando la missione in due giorni, con grande professionalità e dedizione.
Questa Azienda ha ricevuto formale ringraziamento dall’Ambasciatore italiano a Tokyo Giorgio Starace, che si complimenta per la delicata opera di trasferimento del nostro connazionale, e dichiara “… da questa esperienza ho avuto sicuramente ulteriore conferma della eccellenza del nostro sistema sanitario, che è il primo nelle classifiche a livello globale e che tutto il mondo cerca di imitare”.
Tutta l’Azienda si unisce al ringraziamento dell’Ambasciatore, con la consapevolezza e l’orgoglio per i tanti professionisti della salute che operano quotidianamente nel nostro Ospedale curandosi e prendendosi cura dei pazienti e della comunità tutta.

Fonte: comunicato Spedali Civili

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu