Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali

San Donato: come funziona il centro anti fumo

Redazione 3 dicembre 2018
Social

I due terzi dei fumatori vorrebbero smettere ma non riescono a farlo a causa della dipendenza fisica e psicologica indotta dal fumo, basti pensare che la nicotina sviluppa una dipendenza superiore a quella di eroina e oppiacei. Per questo sono così frequenti le ricadute di chi inizia da solo questo non facile percorso, trovandosi spesso a dover gestire l’insorgenza di diversi sintomi d’astinenza come insonnia, irritabilità, ansia, cefalee, aumento dell’appetito e difficoltà di concentrazione.

Se volete capire meglio che genere di fumatore siate al netto delle proprie idee, fate il Test di Fagerstrom, sono sei domande a cui rispondere per valutare il proprio grado di dipendenza.

I trattamenti integrati (sostegno psicologico e/o farmaci specifici) hanno dimostrato una maggiore percentuale di successo. Chiedere aiuto agli altri, a chi ne sa più di noi, in questa come in tante altre “prove” della vita, dimostra intelligenza e umiltà, oltre che il coraggio di mettersi in gioco.
Il Centro Anti Fumo valuta le singole caratteristiche del fumatore (età, numero di sigarette fumate, anni da fumatore, livello motivazionale e tipologia della dipendenza), condividendo con lui in maniera personalizzata il progetto più idoneo per smettere di fumare.

Per prenotare una visita basta compilare questo modulo.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Fonte: Policlinico San Donato (ospedalesenzafumo)

Tags:
Menu