fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

Tunnel carpale e benessere delle mani, le risposte del professor Pivato di Humanitas

Redazione 25 Luglio 2019
Social

Parliamo di traumi alle mani, e in particolare di tunnel carpale, con il Professor Giorgio Pivato, chirurgo della mano e responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia della mano e Microchirurgia Ricostruttiva in Humanitas.

I traumi alle mani sono tra i più diffusi che medici e chirurghi curano ogni giorno, pari circa al 45% dei casi, dovuti non solo a incidenti sul lavoro ma anche ad incidenti domestici. 

Ma quando si parla di dolori alle mani o alle sua articolazioni, non ci si riferisce solo ai traumi: tra le situazioni più comuni tra i pazienti, sia uomini e che donne, c’è ad esempio la sindrome del tunnel carpale.

Le mani durante la notte: i primi campanelli di allarme

Durante la notte, anche senza accorgercene, tendiamo spesso a tenere le mani e le dita in posizioni innaturali che costringono le articolazioni, tendini e legamenti a ‘lavorare’ continuamente e rimanere in tensione

“Spesso si dorme con polsi e dita piegate, come si faceva anche da bambini. Una posizione che non permette alle mani e alle dita di riposare – ha spiegato il professore – e che al mattino dà sintomi come rigidità, formicolii, gonfiore, mancanza di forza”.

Il formicolio, tipico campanello di allarme per la sindrome del tunnel carpale, è dovuto alla compressione del nervo, che non lascia passare il sangue necessario al nervo e provoca così la sensazione delle ‘formiche’.

Tunnel carpale, operazione sì o no?

Ogni caso è ovviamente a sé e sarà lo specialista volta per volta, a valutare la soluzione migliore per il paziente. In ogni caso, prima di un intervento chirurgico, ha spiegato Pivato, è possibile provare a ridurre i sintomi e fastidi con soluzioni conservative come i tutori.

“Esistono oggi strumenti che aiutano a mantenere i segmenti e le articolazioni o le dita interessate in posizione corretta: i tutori, in inglese splint, vengono confezionati in base alla mano del paziente, su misura, e in base al problema che lo specialista indica”. 

Non esistono infatti tutori ‘standard’ che si possono adattare a qualsiasi mano, a prescindere dalla misura.

“I materiali utilizzati, come il neoprene, sono leggeri e traspiranti, e il loro utilizzo porta ad una riduzione dei sintomi”.

Fonte: www.humanitas.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu