fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

IEO, scoperto nuovo sottotipo di tumore al seno

Redazione 29 Aprile 2020
Social

Scoperto in IEO un nuovo sottotipo di tumore al seno, il carcinoma mammario HER2-low: una nuova opportunità per estendere l’utilizzo di terapie target anti-HER2 fino al 70% delle pazienti.

La scoperta dell’oncogene HER2 negli anni 90’ ha rivoluzionato il trattamento del 15% delle pazienti con carcinoma mammario. Oggi, un lavoro pubblicato su Journal of Clinical Oncology da Paolo Tarantino, medico specializzando della Divisione Sviluppo Nuovi Farmaci per Terapie Innovative IEO, delinea le caratteristiche di un nuovo sottotipo di tumore mammario e ne prospetta le implicazioni terapeutiche per i nostri pazienti.

La proposta di questo nuovo sottotipo, il carcinoma mammario HER2-low, è arrivata da un panel di esperti internazionali guidato dal Prof. Giuseppe Curigliano, Condirettore del Programma Nuovi Farmaci IEO; la speranza è quella di poter estendere l’utilità delle terapie target anti-HER2 fino al 70% delle pazienti.

Il riconoscimento del sottotipo di carcinoma mammario “HER2-low” rappresenta una opportunità per l’utilizzo di terapie target in una vasta popolazione di pazienti, precedentemente considerata HER2-negativa, ci spiega Paolo Tarantino. “Numerosi farmaci innovativi sono in sperimentazione in questo sottotipo, inclusi coniugati farmaco-anticorpo, anticorpi bispecifici e vaccini anti-HER2. Se l’efficacia di tali farmaci venisse confermata da studi clinici randomizzati attualmente in corso, si configurerebbe un’evoluzione della nostra attuale classificazione dell’HER2, da parametro binario a spettro di espressione, con una consensuale evoluzione degli algoritmi terapeutici.”

In particolare, studi di fase 1 di nuovi coniugati farmaco-anticorpo anti-HER2 hanno di recente dimostrato efficacia, in termini di risposta di malattia, anche in presenza di basse espressioni del recettore HER2 ed in assenza di amplificazione del gene. Il Trastuzumab Deruxtecan, la cui sperimentazione precoce è stata condotta in IEO, ha infatti dimostrato il 37% di risposte in pazienti HER2-low altamente pretrattate, ed una simile attività è stata osservata con un altro coniugato, il Trastuzumab Duocarmazine.

È inoltre attualmente in corso in IEO lo studio randomizzato DESTINY-Breast04, che compara l’anticorpo coniugato Trastuzumab Deruxtecan alla chemioterapia tradizionale in pazienti con carcinoma mammario HER2-low.

Fonte: www.ieo.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:
Menu