fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Sistema Sanitario Top

Il Galeazzi tra i primi 30 migliori ospedali al mondo specializzati in Ortopedia

Redazione 23 Dicembre 2020
Social

L’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi è tra i migliori ospedali al mondo nell’ambito dell’ortopedia secondo la classifica World’s Best Specialized Hospitals 2021 realizzata dalla prestigiosa rivista statunitense Newsweek, in collaborazione con Statista. 

Il riconoscimento della struttura milanese di Gruppo San Donato dà un’ulteriore conferma degli alti standard di eccellenza, affiancandosi a 2 altre strutture, eccellenze di GSD come l’IRCCS Policlinico San Donato e l’IRCCS Ospedale San Raffaele.

Collocandosi tra i primi 30 ospedali ortopedici mondiali, l’IRCCS Galeazzi è stato valutato grazie a interviste online che hanno coinvolto oltre 40.000 professionisti in ambito sanitario provenienti da oltre 20 paesi in tutto il mondo e sottoposta per validazione da parte di un autorevole board internazionale di esperti del settore.

Il professor Giuseppe Peretti, Responsabile di E.U.O.R.R. (Équipe Universitaria di Ortopedia Rigenerativa e Ricostruttiva) della struttura e professore di Clinica Ortopedica presso l’Università degli Studi di Milano, spiega l’importanza del riconoscimento e quali sono i piani per il futuro.

L’eccellenza in ambito ortopedico a livello mondiale

“Il Galeazzi rappresenta un’eccellenza in quanto centro all’avanguardia per la diagnosi e il trattamento di diverse patologie ortopediche, raccogliendo l’expertise di professionisti riconosciuti a livello nazionale ed internazionale come punti di riferimento in ambito ortopedico e traumatologico. 

Dal 2006, l’Istituto Ortopedico Galeazzi è riconosciuto come IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) per quanto riguarda le malattie dell’apparato locomotore ed è, pertanto, una delle mission dell’Istituto il continuo aggiornamento al fine di garantire sempre le cure migliori delle diverse patologie. 

Ogni anno, al Galeazzi, vengono eseguiti più di 15.000 interventi nelle diverse superspecializzazioni ortopediche grazie alla pluriennale esperienza di specialisti che non lavorano come entità indipendenti, ma come team multidisciplinari in continua sinergia, perseguendo il comune obiettivo di una ottimizzazione e umanizzazione delle cure

L’IRCCS Galeazzi è il primo ospedale in Italia per quanto riguarda il numero di intervento di protesica di ginocchio e anca e di trattamento di fratture di femore entro le 48 ore, tutte realtà certamente finalizzate al benessere del paziente, ma sono anche al contempo sempre rivalutate con senso critico e costruttivo, in quanto inserite in registri digitali che permettono una continua riconsiderazione scientifica. 

A conferma del ruolo della struttura anche in ambito internazionale, nel 2019, l’IRCCS Galeazzi ha ottenuto la certificazione di Eccellenza come Centro di Chirurgia Vertebrale a livello europeo conferita dalla società di riferimento in Europa per la Chirurgia Vertebrale, Eurospine, attestando le potenzialità e gli alti standard di competenza per il trattamento delle patologie legate alla colonna a 360 gradi.

Forte è anche l’impegno per quanto riguarda la didattica e la formazione dei medici del futuro: è solidamente legato alla Università degli Studi di Milano e ospita diversi studenti appartenenti a numerosi corsi di laurea; è inoltre sede della Scuola di specializzazione in Ortopedia e Traumatologia che conta il maggior numero di specializzandi in Italia in questo ambito”.

Il contributo della ricerca

“Dal punto di vista della Ricerca, l’Istituto Ortopedico Galeazzi, come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, sta sviluppando diversi progetti finanziati in parte dal Ministero della Salute, ma anche dalla Commissione Europea e, in parte, anche da Aziende private, sia nel campo della protesica, soprattutto anca, ginocchio, caviglia e spalla, ma anche della medicina rigenerativa (con il centro RE.GA.IN)

Da citare, come esempio, gli studi per la riparazione delle cartilagini del ginocchio mediante cellule prelevate dal setto nasale, o tutti gli studi di medicina rigenerativa mediante l’utilizzo di cellule staminali o emoderivati per la modulazione dell’infiammazione durante l’artrosi precoce nei diversi distretti articolari. 

Molto florida l’attività di ricerca clinica nel campo della radiodiagnostica, della chirurgia spinale, delle infezioni osteoarticolari e delle modalità di ottimizzazione del recupero postoperatorio per una dimissione a domicilio rapida e sicura del paziente sottoposto ad intervento chirurgico con tecniche sempre meno invasive. 

Presso l’Istituto Ortopedico Galeazzi, lavorano inoltre attivamente numerosi ricercatori di base, la cui attività mira a sviluppare, attraverso una lunga tradizione di terapie mediche innovative, nuove procedure chirurgiche, tecniche di bioingegneria, medicina traslazionale ed evidence-based sempre in ambito delle patologie muscolo-scheletriche.

Dal 2007, l’Istituto è divenuto membro della ISOC-International Society of Orthopaedic Centers, riconosciuto come uno fra i 20 istituti di eccellenza in ambito ortopedico, provenienti da 16 diverse nazioni di tutto il mondo.

Tra le prospettive future si colloca senza dubbio il Nuovo Ospedale Galeazzi, situato in prossimità di Cascina Triulza, in ex area EXPO (MIND), che vedrà il completamento per il 2022. Sviluppandosi su 16 piani per una superficie complessiva di 150.000 mq, l’edificio ospiterà sia l’Istituto Ortopedico Galeazzi sia l’Istituto Clinico Sant’Ambrogio e continuerà a perseguire l’obiettivo primario del benessere del paziente, grazie alla professionalità e alla know-how experience di medici, infermieri, tecnici e ricercatori e all’utilizzo delle tecnologie più all’avanguardia”

Cosa rappresenta per il Galeazzi questo riconoscimento 

“Ritengo sia un onore per il Galeazzi e per tutto il personale che ogni giorno si impegna con passione e dedizione instancabile a garantire sempre un servizio di eccellenza, essere riconosciuto tra le migliori strutture al mondo in ambito ortopedico – continua il Professor Peretti. 

La nostra è un grande famiglia, grazie anche e soprattutto a Gruppo San Donato che, negli anni, ha contribuito alla crescita dell’Istituto in termini qualitativi. 

Abbiamo la fortuna di lavorare in sinergia con professionisti altamente qualificati e con anni di esperienza, nazionali e internazionali, nell’ambito ortopedico-traumatologico. Step by step, giorno dopo giorno, combinando clinica e Ricerca, cerchiamo di creare qualcosa di importante, senza dimenticare il lato umano e il rapporto con il paziente, che deve sentirsi accolto e in buone mani, in tutto il suo percorso dalla diagnosi alla cura. 

L’augurio che possiamo farci è quello di continuare a portare avanti il nostro lavoro con lo stesso entusiasmo e passione di sempre: è questa la nostra grande soddisfazione”.

Fonte: www.grupposandonato.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu