Caricamento

Type to search

Medicina

Deficit materno di B12: triplicati i casi, gravi conseguenze sui bimbi

Giovanni Deleo 7 novembre 2018
Social

Una malattia rara che vede i suoi casi triplicare da un anno all’altro: da 42 a 126, con i bambini che arrivano a rischiare gravi danni neurologici. La vitamina B12 ha un ruolo fondamentale nello sviluppo del sistema nervoso centrale, una carenza può portare danni neurologici al neonato già in utero.
La causa sembra essere riconducibile alla decisione di non cambiare la propria alimentazione durante la gravidanza da parte di madri vegetariane e vegane.

Questi i dati pubblicati dall’Osservatorio Malattie Rare (OMAR), commentati dal Dott. Carlo Dionisi Vici, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Patologia Metabolica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, e il Dott. Giancarlo la Marca, presidente SIMMESN e direttore del Laboratorio Screening Neonatale Allargato dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di Firenze.

“I mezzi di comunicazione e quelli istituzionali dovrebbero segnalare subito e con forza la pericolosità di una dieta vegetariana o vegana non supplementata in gravidanza”, sottolinea Giancarlo la Marca. “Le madri carenti di questa vitamina nella loro alimentazione, devono assumere degli integratori durante la gravidanza e l’allattamento, perché i loro figli sono gravemente a rischio di malattia. Il deficit materno di vitamina B12, che può portare a danni anche gravi nel bimbo appena nato, potenzialmente può essere identificato attraverso lo screening neonatale, ma per esso non c’è indicazione di legge. Il numero di deficit materni evidenziati negli ultimi anni è enormemente cresciuto a causa del miglioramento delle strategie usate per lo screening, tuttavia è possibile, anzi decisamente probabile, che molti di questi difetti possano ancora sfuggire”.

Per l’articolo completo su OMAR con la bella intervista ai dottori cliccate qui.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu