fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Notizie Locali Lombardia Sondrio e Valtellina

Al Morelli esami di Endoscopia Digestiva in HD

Giovanni Deleo 31 Maggio 2017
Social

Come ogni anno, la Onlus Insieme per vincere ha contribuito alla salute del territorio fornendo apparecchiature al Morelli di Sondalo per oltre 55.000 euro. Più nello specifico, si tratta di un video processore, video gastroscopio e videocolonscopio donato alla Unità di Chirurgia Endoscopica Digestiva. Sul territorio Valtellinese, unica a poter operare contemporaneamente su due sale e ad effettuare anche le endoscopie capsulari, che a Sondalo sono parte della prassi in specifici casi fin dal 2000.

ti piace tisostengo? metti like alla nostra pagina facebook e resta sempre informato sulle novità in lombardia

Ecco il comunicato stampa:

“Insieme per vincere” ha donato video processore, video gastroscopio e videocolonscopio

Importante donazione quella effettuata dall’associazione “Insieme per vincere onlus”, di Valdidentro, a beneficio dell’Unità operativa semplice di Chirurgia Endoscopica Digestiva dell’ospedale Morelli di Sondalo, nuova denominazione dell’Endoscopia Digestiva, di cui è responsabile il dottor Carlo Pansoni. 

leggi anche – lecco: dove le zone per fare il bagno (risultati balneabilità al 15 maggio)

Si tratta di un video processore, di un video colonscopio e di un video gastroscopio, per un valore economico complessivo di 55mila euro, che vanno a completare la dotazione strumentale della Chirurgia Endoscopica Digestiva permettendole di operare al meglio su entrambe le sale a disposizione. 

“Non solo i televisori e i cellulari sono soggetti, ogni anno, a costante evoluzione con immagini a definizione sempre più elevata e con effetti ottici computerizzati – sottolinea il dottor Pansoni -, ma anche in ambito ospedaliero il progresso tecnologico e l’alta definizione hanno grande rilevanza dato che il trattamento elettronico delle immagini perfeziona la diagnosi, riduce il tempo di esecuzione dell’esame e prolunga i tempi di intervallo fra un controllo e l’altro, per il paziente. Questi, in sostanza, i benefici che l’importante donazione produce e che segue quella effettuata tre anni fa dalla medesima associazione”. 

Le immagini degli esami endoscopici effettuati, peraltro, verranno messe in rete col sistema Pacs e avranno, quindi, una definizione adeguata.

“Sono molto grata a “Insieme per vincere onlus” che, negli ultimi tre anni, – sottolinea Giusy Panizzoli, direttore generale di Asst ValtLario – ha donato apparecchiature alla nostra azienda per un corrispettivo di oltre 160mila euro. So che sono al nostro fianco e che, su di loro possiamo sempre contare per far fronte alle tante esigenze di ammodernamento tecnologico che ci si presentano. Hanno fatto tanto per la Chirurgia Endoscopica Digestiva, reparto, peraltro, organizzato benissimo, e son sicura che ci sosterranno, in futuro, anche in altri ambiti”. 

A scoprire la targa omaggio di “Insieme per vincere onlus”, posta all’ingresso del reparto, è stata Daniela Gurini, presidente del sodalizio, al Morelli con tutto il suo consiglio direttivo, e con Ezio Trabucchi, sindaco di Valdidentro.

“Dobbiamo un forte ringraziamento ai gruppi di volontariato e ai tanti singoli che, negli anni, – ha precisato Daniela Gurini – ci hanno sostenuto in occasione della tre giorni di sport a sfondo benefico che organizziamo a febbraio. Anche quest’anno abbiamo raccolto più di 80mila euro e, come sempre, abbiamo contribuito a migliorare la dotazione dei servizi di Asst Valtellina e Alto Lario in linea con le proposte giunteci dalla medesima. Il reparto del dottor Pansoni, peraltro, è apprezzato da tutti i concittadini e non solo, per la competenza e l’umanità dei suoi operatori”. 

Numerosi, infatti, i valtellinesi, ma anche i residenti fuori provincia, che si rivolgono alla Chirurgia Endoscopica Digestiva del Morelli, unica, in azienda, a poter operare contemporaneamente su due sale e ad effettuare anche le endoscopie capsulari ovvero quelle indagini del tratto intermedio dell’intestino cui non si può arrivare agevolmente con le cannule flessibili. In questi casi si propone al paziente l’ingestione di una capsula contenente una micro telecamera in grado di produrre immagini per 10-12 ore. Un esame cui si ricorre solo in casi specifici e che, l’azienda, fra le prime in Lombardia come realtà pubblica, ha introdotto a Sondalo nel 2000. 

Complessivamente, nel 2016, il reparto ha eseguito 3700 prestazioni endoscopiche di cui 1668 colonscopie, 2004 gastroscopie, e 28 endoscopie capsulari. 

fonte: asst valtellina e alto lario

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu