fbpx
Caricamento

Type to search

Approfondimenti Medicina Top Wellness

Entro il 2050 metà della popolazione con miopia

Redazione 22 Settembre 2018
Social

Maledetta vita al chiuso, ci mancava soltanto la miopia. Non è un mistero che trascorrere buona parte della propria giornata tra quattro mura sia qualcosa di estremamente poco salutare. Mezz’ora di camminata al giorno è caldamente consigliata a quasi tutti, specialmente agli anziani che dopo la pensione conducono spesso una vita estremamente sedentaria. Se non bastasse quanto si sapeva, ecco un nuovo allarme: nel 2050, metà della popolazione mondiale sarà miope, con un miliardo di pazienti portatori della forma grave. A diffondere l’infausto presagio è il Brien Holden Vision Institute, ente di ricerca australiano che ha pubblicato una notizia sulla rivista scientifica Oftalmology. La notizia è stata riportata dall’ANSA qualche tempo fa.

Si tratta di uno studio particolare che ha aggregato i risultati di altre 145 indagini, arrivando ad analizzare un campione totale di 2,1 milioni di persone. I dati sono sconfortanti. Considerando il tasso di progressione nell’incidenza della malattia nel mondo, gli scienziati hanno elaborato una proiezione per la metà del secolo: i miopi nel mondo saranno circa 4,8 miliardi, pari al 49, 8% della popolazione.
La forma grave riguarderà un totale di 938 milioni di persone.

A preoccuparsi dovranno essere soprattutto gli asiatici: nella regione si toccherà una punta del 60% della popolazione colpita. Non c’è da sorridere neanche in Europa dove, scrivono gli autori dello studio, la patologia interesserà il 56,25% della popolazione.

Le cause individuate dai ricercatori sono correlate allo stile di vita: si passa troppo tempo chiusi in ufficio e a casa. Non solo: se tenere acceso il pc spesso è una questione di lavoro, buona parte del tempo libero viene speso guardando la televisione, leggendo sul tablet o addirittura sul telefonino.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu