fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

Epatocarcinoma e colangiocarcinoma: le novità nella cura dei tumori del fegato

Redazione 9 Ottobre 2020
Social

Tra fine agosto e metà settembre si sono tenuti, in modalità virtuale, tre importanti meeting internazionali dedicati all’oncologia (27-29 agosto The Digital International Liver Congress, organizzato da EASL – The European Association for the Study of the Liver; 11-13 settembre Congresso ILCA – International Liver Cancer Association; 19-21 settembre Congresso ESMO – European Society for Medical Oncology), nei quali sono state presentate le novità nella cura dei tumori del fegato.

I meeting hanno visto il contributo della professoressa Lorenza Rimassa, Vice Responsabile di Oncologia Medica di Humanitas e docente di Humanitas University, che è intervenuta in particolare su epatocarcinoma e colangiocarcinoma, i due tumori primitivi del fegato più frequenti.

L’epatocarcinoma è il tumore del fegato più comune e origina negli epatociti, le cellule principali del fegato. Il colangiocarcinoma si colloca al secondo posto per frequenza nell’ambito dei tumori epatici ed è particolarmente insidioso. Si sviluppa nei colangiociti (i dotti biliari tra il fegato e l’intestino) per poi andare a intaccare l’organo al suo interno (colangiocarcinoma intraepatico) o al suo esterno (colangiocarcinoma extraepatico o distale).

Epatocarcinoma e immunoterapia: il nuovo standard terapeutico

“Da alcuni anni è allo studio il trattamento dell’epatocarcinoma con l’immunoterapia e il tema è stato oggetto di confronto anche nel corso dei Congressi.

Nel maggio 2020 è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine uno studio multicentrico di fase III (Atezolizumab plus Bevacizumab in Unresectable Hepatocellular Carcinoma) dai risultati positivi. Lo studio ha valutato l’associazione di atezolizumab (immunoterapico) con bevacizumab (antiangiogenico). I dati indicano un miglioramento significativo in termini di sopravvivenza globale e di sopravvivenza libera da progressione di malattia rispetto a sorafenib, il farmaco che rappresenta lo standard di cura da dieci anni.

Questa combinazione di farmaci – approvata negli Stati Uniti e in attesa di approvazione in Europa – sarà dunque il nuovo standard terapeutico nella cura dell’epatocarcinoma non suscettibile di trattamenti locoregionali. In Humanitas tale combinazione è già disponibile per i pazienti nell’ambito di uno studio di fase IIIB volto a valutare ulteriormente gli aspetti di tollerabilità del trattamento.

Continua la Ricerca sui marcatori

“Vi sono inoltre diversi protocolli di studio su altre combinazioni di farmaci e continua il lavoro sull’identificazione di marcatori che possano aiutare a rendere le terapie sempre più personalizzate: l’obiettivo è arrivare a comprendere quali farmaci proporre ai diversi pazienti.

Le opzioni di trattamento dell’epatocarcinoma avanzato si stanno ampliando e nella scelta occorre – e sarà sempre più necessario – tenere conto di elementi quali le caratteristiche del paziente, il tipo di farmaco, l’efficacia e la sicurezza/tollerabilità”, precisa la professoressa Rimassa.

Colangiocarcinoma, fondamentali i Centri di riferimento e un approccio multidisciplinare

“Il colangiocarcinoma è meno frequente dell’epatocarcinoma e la diagnosi è in genere tardiva: nel 60-70% dei casi viene individuato in fase avanzata, quando le possibilità di trattamento e la risposta alle terapie sono ridotte.

È dunque fondamentale che i pazienti siano seguiti presso i Centri di riferimento e che l’approccio sia multidisciplinare: il colangiocarcinoma infatti è una patologia complessa, le cui forme differiscono le une dalle altre, e che necessita della collaborazione di diversi specialisti, quali oncologi, radiologi, radiologi interventisti, epatologi, chirurghi. In Humanitas offriamo ai nostri pazienti un team multidisciplinare in grado di gestire il paziente in maniera organica e completa”, sottolinea la professoressa Rimassa.

Colangiocarcinoma: passi avanti sui target molecolari

“Vi sono alcuni geni alterati che ricorrono nei pazienti con colangiocarcinoma, la Ricerca si sta concentrando in particolare sulle mutazioni di IDH1 (Isocitrate Dehydrogenase 1) e sulle traslocazioni di FGFR2 (Fibroblast Growth Factor Receptor 2) e alcuni farmaci stanno dando risposte positive in studi di fase II e III.

Alcuni di questi studi vedono il coinvolgimento di Humanitas e registriamo importanti passi avanti verso l’individuazione di biomarcatori per la diagnosi e il trattamento del colangiocarcinoma”.

Fonte: www.humanitas.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu