fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Notizie Locali Lombardia Pavia Sistema Sanitario Top

ASST Pavia, nuovo mammografo per l’Ospedale di Broni Stradella

Redazione 20 Novembre 2020
Social

Il Direttore Generale di ASST Pavia, dottor Michele Brait, annuncia l’ampliamento del parco strumentale aziendale complessivo: all’Ospedale Unificato di Broni Stradella, dopo la nuova TAC a 32 strati, arriva un nuovo mammografo digitale di ultima generazione. 

Come già avvenuto presso gli Ospedali di Voghera e di Vigevano nel 2019, anche presso l’Unità Operativa di Radiologia dell’Ospedale Unificato di Broni – Stradella è stato installato un nuovo mammografo digitale (Fuji Amulet Innovality), che va a sostituire l’apparecchio analogico impiegato fino ad oggi.

Il nuovo mammografo consente un’estrema accuratezza diagnostica nello scoprire e localizzare le lesioni mammarie. Infatti, grazie all’utilizzo di una tecnologia di ultima generazione, chiamata Tomosintesi, che permette l’acquisizione di più immagini relative a strati diversi della mammella, il nuovo apparecchio porta ad un risultato diagnostico più efficace non solo rispetto alla mammografia analogica, ma anche a quella digitale classica. Eventuali lesioni, infatti, nella mammografia 2D potrebbero essere “coperte” da altre strutture, mentre l’esame dei diversi strati, come nella TAC, permette di ottenere informazioni più precise. 

Rispetto alle apparecchiature presenti fino ad oggi sul mercato, il nuovo mammografo non rende necessaria l’acquisizione ulteriore di una mammografia 2D per avere un’immagine completa della mammella, perché quest’ultima viene ottenuta “fondendo” le informazioni ottenute dai diversi strati; la dose di radiazioni alla paziente, quindi, non è maggiore rispetto a quella prevista per una mammografia 2D.

Inoltre, la disponibilità di un sistema PACS aziendale, cioè di un’infrastruttura per l’archiviazione e la trasmissione delle immagini digitali, permetterà di procedere, se necessario, con la refertazione dell’esame anche da parte degli specialisti radiologi presenti presso gli altri presidi dell’ASST di Pavia.

Questo intervento va a completare il programma di rinnovamento e potenziamento, finanziato da Regione Lombardia, delle tecnologie di diagnostica per immagini presso l’Ospedale Unificato di Broni – Stradella, dove dal mese di settembre è anche in funzione la nuova TAC a 32 strati.

La nuova TAC Somatom Scope Power è in grado di acquisire, in un’unica rotazione, 32 immagini riferite ad altrettante “fette” del corpo, con una risoluzione, cioè uno spessore dello strato, pari a 0,6 mm. Ciò consente di eseguire la quasi totalità degli esami che vengono effettuati su tomografi con un numero superiore di strati; nello specifico, gli esami muscolo-scheletrici, dell’addome, dell’encefalo, oncologici e dentali, salvo quelli cardiologici, che necessitano di un numero elevato di “fette”, e che sono comunque garantiti, per l’ASST Pavia, dalle TAC dell’Ospedale Civile di Voghera con TAC a 64 strati e dell’Ospedale Civile di Vigevano con TAC 160 a strati. 

Rientra nel programma di rinnovamento anche il nuovo Ecografo Voluson E6, inaugurato sempre a settembre, il cui punto di forza è l’ecografia 4D  per la quale vengono utilizzate delle sonde volumetriche, che sono in grado di acquisire 25-30 fotogrammi al secondo senza movimento della sonda; ne consegue una visualizzazione in movimento ed in tempo reale dell’immagine tridimensionale. 

Presso l’Unità Operativa di Radiologia vengono erogate, secondo i protocolli assistenziali, le seguenti prestazioni: Tomografia Computerizzata (cosiddetta T.A.C.), Mammografie, Ecografie e Diagnostica Strumentale Tradizionale.

Si conferma che tutte le prestazioni ambulatoriali, inclusa la diagnostica, vengono regolarmente effettuate in ASST senza sospensioni.

Fonte: www.asst-pavia.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu