fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

Don Gnocchi, Golden Synapse Award allo studio su riabilitazione robotica

Redazione 18 Febbraio 2021
Social

“Golden Synapse Award” per il miglior articolo pubblicato nel 2020 dalla rivista Journal of Neurologic Phisical Therapy: è il premio che l’Academy of Neurologic Phisical Therapy ha assegnato all’articolo “Upper limb robotic rehabilitation after stroke: a multicenter randomized clinical trial”, pubblicato da Irene Aprile, neurologa e ricercatrice dell’IRCCS Fondazione Don Gnocchi, insieme al gruppo di riabilitazione robotica da lei coordinato. L’articolo raccoglie i risultati di un lungo e complesso lavoro sull’utilizzo delle tecnologie robotiche nei percorsi riabilitativi in Fondazione, in particolare nel recupero dell’arto superiore in pazienti post ictus. La ricerca ha coinvolto 9 Centri “Don Gnocchi” in Italia ed oltre 250 pazienti, con l’obiettivo di misurare l’efficacia di trattamenti condotti con le nuove tecnologie rispetto ai trattamenti tradizionali.

Punto di partenza è che dopo un ictus solo il 12% dei pazienti raggiunge un recupero funzionale completo dell’arto superiore, mentre nel 30-60% dei casi i deficit persistono. I ricercatori “Don Gnocchi” hanno valutato l’efficacia del trattamento robotico sull’arto superiore condotto utilizzando 4 dispositivi di ultima generazione, con un’azione specifica in particolare sui movimenti di mano, polso, gomito e spalla.
I pazienti sono stati valutati prima e dopo il trattamento e le misurazioni sono state condotte sulla base della scala Fugl-Meyer Assessment (FMA), un indice che valuta il grado di disabilità delle persone colpite da ictus, oltre ad altre scale per valutare la funzione motoria, le attività e la partecipazione.

Recupero importante anche a un anno dall’ictus

I risultati illustrati nell’articolo premiato hanno dimostrato la piena efficacia della riabilitazione con tecnologie robotiche nel recupero dell’arto superiore. Non solo, per alcuni aspetti – come ad esempio i movimenti di presa della mano, di flessione dell’avambraccio sul braccio e di abduzione della spalla – la riabilitazione tecnologica si dimostra più efficace della riabilitazione convenzionale, permettendo al paziente di raggiungere prima nel tempo importanti obiettivi di recupero motorio. Alcuni pazienti che hanno continuato a fare riabilitazione robotica e che sono stati monitorati per mesi hanno recuperato in modo importante e significativo anche a distanza di un anno dall’ictus.

«Questo premio – commenta Irene Aprile – è il riconoscimento di un importante lavoro di squadra che ha coinvolto diversi Centri di Fondazione e tanti colleghi: se concretamente il trofeo è arrivato qui a Roma, idealmente però vorrei che fosse presente in tutte le strutture che hanno collaborato al progetto e che per certi versi stanno proseguendo nelle ricerche per capire in che modo possiamo ancora di più migliorare l’efficacia dei dispositivi tecnologici a nostra disposizione».
«Oltre che complimentarmi con tutto il gruppo di lavoro della riabilitazione robotica per questo importante risultato – aggiunge Maria Chiara Carrozza, direttrice scientifica della Fondazione – vorrei sottolineare l’importanza di questo studio, perché è un esempio riuscito di ricerca traslazionale, cioè di una ricerca che ha un’immediata ricaduta nella clinica e che sempre più connoterà il nostro stile e modo di fare».

CLICCA QUI PER SCARICARE E LEGGERE L’ARTICOLO

Fonte: www.dongnocchi.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu