fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Notizie Locali Lombardia Top Varese

Malattia del rene policistico: a Varese un nuovo ambulatorio dedicato

Redazione 3 Giugno 2021
Social

La Nefrologia dell’Ospedale di Circolo di Varese, in ASST Sette Laghi, ha attivato un nuovo ambulatorio dedicato ai pazienti con malattia del rene policistico autosomica dominante dell’adulto (ADPKD).

Questa patologia è una delle malattie genetiche più comuni: con un’incidenza di 1 su 1000 persone è la principale causa genetica di insufficienza renale dell’adulto. Circa il 10% dei pazienti in trattamento dialitico ne è affetto. La malattia ha un esordio tra i 40 e i 50 anni, ma può manifestarsi anche prima. Oltre ai reni, altri organi possono essere interessati dalle cisti (fegato, pancreas e milza) e spesso questa patologia si associa ad aneurismi cerebrali e coronarici, valvulopatie cardiache e costante presenza di ipertensione.

All’esordio, la malattia è frequentemente asintomatica, e quindi la diagnosi è spesso casuale nel corso di indagini motivate da altri quesiti clinici.

L’ambulatorio nasce con l’intento di fornire ai pazienti policistici di Varese e provincia un punto di riferimento nella gestione della patologia e delle sue complicanze – tiene a sottolineare il Dott. Giuseppe Rombolà, Direttore della Nefrologia e Dialisi – Inoltre, essendo l’Ospedale di Varese centro riconosciuto da Regione Lombardia come polo di riferimento diagnostico, nonché centro prescrittore della terapia con Tolvaptan, l’ambulatorio ha anche l’obiettivo di identificare i soggetti candidabili, avviandoli poi a tale terapia”.

L’ambulatorio è tenuto dalla Dottoressa Chiara Maria Maggioni (nella foto allegata).Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare gli ambulatori al numero 0332.278 449 oppure inviare una mail all’indirizzo dedicato malattiapolicistica@asst-settelaghi.it

Fonte: www.asst-settelaghi.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu