fbpx
Caricamento

Type to search

Approfondimenti Comunicazioni Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Top

L’Istituto Nazionale dei Tumori compie 90 anni

Redazione 20 Settembre 2018
Social

In occasione del suo 90° anniversario, la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT) ha l’onore di ospitare il Presidente On. Sergio Mattarella. La visita ha avuto luogo a fine settembre 2018.
Una visita importante che corona una serie di eventi che dal 12 aprile, ricorrenza dell’inaugurazione dell’Istituto nel 1928, hanno rappresentato momenti di riflessione e di confronto sui progressi dell’oncologia. Il Presidente della Repubblica dedicherà una parte della sua visita ai pazienti. In particolare, visiterà la Struttura Complessa Pediatria Oncologica diretta dalla dottoressa Maura Massimino, e l’Hospice Virgilio Floriani della Struttura Complessa di Cure Palliative, Terapia del dolore e Riabilitazione diretta dal Professor Augusto Caraceni.

Novant’anni di studio, passione e dedizione verso i pazienti da parte di medici, ricercatori e operatori che con il loro lavoro hanno fatto dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano una delle eccellenze scientifiche italiane nel panorama dell’oncologia mondiale. Un bagaglio di conoscenze che contribuisce allo sviluppo di innovativi progetti per il futuro, con l’obiettivo di continuare a segnare tappe importanti nella lotta contro il cancro. Si presenta così l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano al Capo dello Stato, il Presidente On. Sergio Mattarella, in occasione della visita che si è tenuta nella mattina di giovedì 20 settembre.

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia

«È un grande onore accogliere presso la nostra Struttura il Presidente della Repubblica e ribadire davanti alla più alta carica dello Stato il nostro costante impegno – afferma Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. – L’Istituto è nato per la cura dei malati oncologici, ispirandosi in modo innovativo al binomio ricerca e cura. È grazie a questa intuizione che abbiamo contribuito a cancellare l’aggettivo “incurabile”, diventando protagonisti di un cambio di paradigma epocale: oggi infatti si sta finalmente assistendo a un costante incremento della percentuale di persone che sopravvive dopo la diagnosi di tumore. È un’intuizione ancora attuale, la cui osservanza ci può rendere fiduciosi sul raggiungimento di traguardi sempre più positivi».

L’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano è a tutt’oggi il primo dei 12 IRCCS oncologici italiani con 18.056 ricoveri annui, 1.214.985 prestazioni ambulatoriali, 464 posti letto, 18 MAC (Macroattività Ambulatoriale Complessa) e oltre 2000 forze attive tra medici oncologi, ricercatori, personale infermieristico, collaboratori e borsisti.

«La visita del Presidente della Repubblica testimonia l’attenzione delle Istituzioni ai nostri tre cardini: la ricerca, la cura e l’assistenza – sottolinea Stefano Manfredi, Direttore Generale dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. – Ora, guardando al futuro, il nostro obiettivo è quello di continuare a migliorare nel tempo la nostra capacità di rispondere ai bisogni dei pazienti, per una personalizzazione dell’intero ciclo di cure e assistenza».

All’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano oggi ci sono 27 laboratori di ricerca e 540 persone che vi lavorano. Nel 2017 sono stati condotti 656 studi clinici di cui 235 osservazionali e 421 sperimentali, permettendo a più di 20mila pazienti di entrare nei protocolli di ricerca. Si è registrato inoltre un aumento del numero delle pubblicazioni scientifiche, confermando un trend di crescita costante: sono stati 702 gli studi apparsi su importanti riviste scientifiche internazionali, di cui il 46% con un ricercatore dell’Istituto come autore di riferimento, con un impact factor 4,808.

«L’Istituto ha compiuto 90 anni, e per ogni giorno da allora ci sono stati ricercatori che hanno dedicato il loro tempo alla ricerca di nuove strategie – precisa Giovanni Apolone, Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano – Ma il lavoro scientifico non si ferma. Emerge sempre di più un fenomeno noto, ed ora molto studiato, vale a dire la capacità del cancro di mutare e resistere alle terapie: questo ci sta portando a delineare una ricerca sempre più tecnologica, ma senza perdere di vista il paziente che andrà seguito nel tempo per studiare le caratteristiche mutevoli della malattia e trovare la terapia più appropriata a seconda della fase in cui si trova».

La mattinata del Presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano inizia con la visita alla Struttura Complessa di Pediatria Oncologica, Centro di eccellenza per la cura dei tumori dell’età pediatrica e degli adolescenti. Qui il Presidente Mattarella ha incontrato pazienti e genitori. Quindi il Capo dello Stato ha proseguito la sua visita all’Hospice Virgilio Floriani della Struttura Complessa di Cure Palliative, Terapia del dolore e Riabilitazione, il primo Hospice ospedaliero progettato all’interno di un Istituto scientifico in Italia.

Fonte: comunicato Istituto Nazionale dei Tumori.

Foto: Wikipedia

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu