fbpx
Caricamento

Type to search

Bergamo Medicina Notizie Locali Lombardia Top

Accordo per trapianti di fegato: il console di Serbia in visita alla Pediatria del Papa Giovanni XXIII

Redazione 7 Agosto 2019
Social

Ha fatto visita ieri al Papa Giovanni XXIII Radmila Selakovic, Console Generale della Repubblica di Serbia, i cui bambini candidati al trapianto di fegato vengono presi in cura all’Ospedale di Bergamo in base ad un accordo sottoscritto nel 2010. In questi 9 anni sono stati trapiantati di fegato 41 bambini, la metà dei quali con età inferiore all’anno di vita, per lo più affetti da cirrosi biliare, con un indice di sopravvivenza di circa il 95%. I costi dell’intervento e della degenza sono interamente coperti dal governo serbo.

“L’Ospedale di Bergamo è stato identificato dalla Stato serbo come interlocutore in grado, da un lato, di trapiantare bimbi serbi epatopatici, dall’altro di aiutare la Serbia ad avviare un programma autonomo sui trapianti – ha spiegato Lorenzo D’Antiga, direttore della Pediatria del Papa Giovanni XXIII -. Un programma che permetta ai medici serbi non solo di effettuare un numero significativo di trapianti in futuro, ma che dia loro anche gli strumenti necessari per seguire adeguatamente il paziente durante il lungo follow up post-trapianto”.

Questa collaborazione è possibile perché l’Ospedale di Bergamo ha praticamente azzerato la lista di attesa per i trapianti di fegato pediatrico, grazie al ricorso costante alla tecnica split, che consente di ricavare due organi idonei per i bambini partendo dal fegato di un solo donatore adulto.

Il Console ha incontrato la Direzione e fatto visita ai reparti pediatrici, dove si è intrattenuta con alcuni bambini serbi trapiantati, condividendo con genitori e dirigenti del Papa Giovanni esperienze e speranze di un percorso di cura non facile.

“Colgo l’occasione per ringraziare il direttore generale dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per la collaborazione nell’ambito del trapianto di fegato e cure post-trapianto dei bambini della Repubblica di Serbia – ha commentato il Console Radmila Selakovic -. Vorrei ringraziare anche il direttore del reparto di Pediatria e i suoi collaboratori per l’aiuto e per il sostegno ai colleghi medici  in Serbia per l’avvio di un programma autonomo sui trapianti nella Clinica pediatrica di Belgrado. Grazie al vostro prezioso aiuto, la lista d’attesa per i trapianti di fegato dei bambini in Serbia è notevolmente diminuita e il numero dei bambini serbi che hanno ricevuto le cure mediche è in crescita. Spero sinceramente che la collaborazione continui per il bene di tutti i bambini che ne avranno bisogno, e ribadiamo che il Consolato Generale della Repubblica di Serbia a Milano sarà a disposizione per ogni forma d’aiuto necessario”.

“Queste collaborazioni internazionali sono possibili grazie alla casistica che gestiamo e al know how dei nostri professionisti, che fanno di Bergamo uno dei centri trapianto più attivi a livello internazionale – ha commentato Maria Beatrice Stasi, direttore generale del Papa Giovanni XXIII -. Essenziale anche l’aiuto di tante associazioni di volontariato che offrono alle famiglie che vengono a Bergamo per interventi salva-vita un alloggio temporaneo, sostegno e tanti altri aiuti preziosi per la vita di tutti i giorni”.

Di recente proprio D’Antiga, grazie ai traguardi raggiunti, ha pubblicato per l’autorevole casa editrice Springer il volume Pediatric Hepatology and Liver Transplantation. Novecento pagine che condensano storia, presente e futuro dell’epatologia pediatrica, già scaricato più di 7.000 volte in soli quattro mesi dal sito della casa editrice.

Nella foto da sinistra Simonetta Cesa, Direttore della Direzione professioni sanitarie e sociali, Fabio Pezzoli, Direttore sanitario, Maria Beatrice Stasi, il Console serbo, il Direttore del Dipartimento chirurgico Michele Colledan, e Lorenzo D’Antiga.

Fonte: www.asst-pg23.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu