fbpx
Caricamento

Type to search

Assistenza Medicina Rubriche Top

Alzheimer: l’assistenza richiede testa, fantasia, creatività, problem solving e resistenza allo stress

Silvia Farina 25 Settembre 2019
Social

Assistenza Alzheimer = mission impossible?

No!

Innanzitutto richiede “testa”: non si può dare nulla per scontato ed è meglio disporsi mentalmente, come fanno i professori che devono preparare le lezioni. E’ necessario essere pronti all’ascolto attento, profondo ed empatico: entrare nel suo mondo, capire cosa innervosisce o spaventa, cosa rallegra e distende, conoscere il più possibile della suo stile di vita prima della malattia, del suo modo di essere, delle sue passioni, delle sue abitudini, e organizzare il proprio lavoro di conseguenza. Piacciono le canzoni in dialetto? Prepararsi qualche pezzo con l’aiuto di YouTube! Ama il giardinaggio? Procurarsi un libro o qualche stampa sull’argomento da vedere insieme: chiedere suggerimenti che riconoscano la loro superiorità contribuisce alla loro autostima, a tenerli impegnati con qualcosa per loro piacevole, e quindi a evitare/contenere lo sviluppo di comportamenti problematici.

Silvia Farina Home instead - scelta badante alzheimer
Silvia Farina

La creatività e la fantasia sono fondamentali: un argomento/attività che solitamente piace a volte può non funzionare, quindi è bene essere già pronti con 2-3 alternative da proporre per distrarre ed evitare che s’innervosisca. Spesso anche la loro capacità di concentrazione varia a seconda delle giornate, e per questo è utile sapersi gestire con flessibilità. Il problem solving è poi fondamentale per tutte quelle situazioni che non possiamo prevedere: anche se le combinano grosse è vitale mantenersi calmi, rispondere con un sorriso, valorizzare quella che poteva essere una loro intenzione positiva, e soprattutto non mortificarli sbattendo loro sul muso l’errore o la “stupidata” compiuta. Nella loro testa ci volevano preparare dei biscotti? Ringraziarli e valorizzarli anche se in forno hanno messo la lettiera del gatto!

La società americana HOME INSTEAD SENIOR CARE è il più grande operatore al mondo nell’assistenza domiciliare (non medica e non infermieristica), presente in 18 nazioni con oltre 1000 agenzie. In Italia ha iniziato Torino nel 2011 e da diversi anni è attiva anche a Milano : lavora con CAREGiver® assunti direttamente dall’agenzia.

Informati qui

Intuite quindi che è importante saper resistere allo stress: la totale imprevedibilità della malattia sottopone chi assiste, soprattutto se lo fa senza limitarsi a “badare”, ma coinvolgendo e stimolando continuamente l’assistito, ad una pressione impressionante. Ricordiamo quindi di tutelare sempre i tempi di riposo e gli spazi di recupero di chi assiste.

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu