fbpx
Caricamento

Type to search

Milano e Hinterland Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

Auxologico: uno studio dimostra che i cibi grassi inducono dipendenza

Redazione 23 Agosto 2019
Social

Uno studio di Auxologico e diversi centri di ricerca universitaria ha dimostrato che il consumo di cibi ricchi di grassi crea una sorta di “dipendenza” inconscia per questi cibi e una più rapida evoluzione verso l’obesità

Nel nostro Paese l’obesità colpisce il 13% della popolazione adulta.

L’Italia è anche il paese europeo con il più alto tasso di obesità infantile e adolescenziale (10.2% a 8-9 anni), che persiste nel 70% dei casi nell’età adulta, con aumento del rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, tumorali e ripercussioni a livello psicologico.

NUOVE EVIDENZE SCIENTIFICHE SULLE BASI GENETICHE E CEREBRALI DELL’OBESITÀ 

Il lavoro scientifico pubblicato da “Frontiers in genetics”, frutto della collaborazione fra diversi centri di ricerca universitaria tra cui Università di Milano e i laboratori di ricerca di Auxologico di Milano e Piancavallo, descrive un nuovo meccanismo che favorisce l’incremento di peso e l’evoluzione verso l’obesità giovanile. In particolare, lo studio condotto in laboratorio su topi in cui l’obesità viene indotta da una dieta ipercalorica ricca di grassi ha inizialmente evidenziato un’aumentata espressione dei recettori cerebrali che mediano i segnali di sazietà in una specifica area cerebrale (ipotalamo) dei topi già dopo 5 settimane di esposizione alla dieta ricca di grassi. L’aumentata espressione di questi recettori cerebrali deriva da specifiche alterazioni biochimiche all’interno del DNA (in particolare, la riduzione della metilazione di specifiche regioni regolatorie dei geni CNR1eOPM1) e si associa a una ridotta sensazione di sazietà che perpetua così il comportamento di alimentazione eccessiva e probabilmente la preferenza per cibi ipercalorici, condizionando così una sorta di “dipendenza” inconscia per questi cibi e una più rapida evoluzione verso l’obesità

Nella seconda parte, questo studio ha anche dimostrato una significativa riduzione della metilazione degli stessi due geni CNR1 e OPM1 anche nelle cellule del sangue di pazienti obesi con meno di 30 anni e recente (inferiore a 5 anni) insorgenza di obesità che sono seguiti presso l’Istituto Auxologico Italiano.  Questi dati nel loro insieme confermano il ruolo dei cannabinoidi e degli oppiodi endogeni (sostanze coinvolte nei fenomeni di “dipendenza”) nello sviluppo dell’obesità e indicano la possibilità che una dieta ipercalorica possa favorire un’aumentata espressione dei geni CNR1 e OPM1 nell’ipotalamo e conseguente riduzione del senso di sazietà e dipendenza dai cibi ipercalorici. Inoltre, nel prossimo futuro sarà possibile verificare se le alterazioni identificate sul sangue periferico possano essere utilizzate come biomarcatori in grado di riconoscere i soggetti più facilmente predisposti all’obesità.

«In conclusione», commenta uno degli autori dello studio, Luca Persani, Primario di Endocrinologia di Auxologico e professore dell’Università di Milano, «la ricerca rivela che una dieta ipercalorica possa generare a livello dei centri nervosi regolatori dell’appetito una sorta di dipendenza favorente l’accelerazione verso l’obesità giovanile e suggerisce che gli interventi preventivi di educazione alimentare debbano essere iniziati molto presto, prima dell’instaurarsi di un “circolo vizioso” che porta l’individuo a preferire i cibi più calorici». 

AUXOLOGICO, PUNTO DI RIFERIMENTO PER L’OBESITÀ

Auxologico vanta un’esperienza pluridecennalenel trattamento specialistico e integrato dell’obesità, della grande obesità e delle complicanze associate, e ha sviluppato conoscenze scientifiche e protocolli diagnostici e terapeutici avanzati presi a modello in Italia e in Europa.

CURE AD HOC PER ADULTI E BAMBINI

Auxologico ha sviluppato percorsi diagnostici e riabilitativi per adulti e minori che, a seconda del grado di complessità, possono essere svolti:

  • in ambulatorio presso il Centro Ambulatoriale Obesità presente in numerose sedi lombarde e piemontesi;
  • in regime di ricovero presso il Centro Ospedaliero Obesità dell’Ospedale di Piancavallo (VB), che assiste ogni anno circa 2800 persone provenienti da tutta Italia, di cui 650 bambini e adolescenti.

L’APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

La peculiarità dell’approccio di Auxologico alla grande obesità è il trattamento multidisciplinare integrato dell’obesità e delle sue comorbilità grazie all’intervento di équipe che lavorano sugli aspetti metabolici-nutrizionali, cardiovascolari, pneumologici, osteo-articolari, psicologici ed educazionali per raggiungere non solo l’obiettivo della perdita di peso, ma anche la gestione di patologie frequentemente associate come diabete, dislipidemia, ipertensione, cardiopatie, asma, apnee ostruttive notturne, osteoartrite, problemi psicologici e altre.
Il programma riabilitativo è quindi personalizzato sul paziente.

Fonte: www.auxologico.it

Quello che leggi ti è utile? Regala un like alla nostra pagina Facebook e iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre informato sulle novità in Lombardia e a Torino

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu