fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Monza e Brianza Notizie Locali Lombardia Ricerca Top

Monza, torneo di calcio per la ricerca sulle Malattie rare autoimmuni del fegato

Redazione 21 Novembre 2019
Social

Lunedì 25 novembre alla 19 presso lo stadio comunale di Arcore si terrà un quadrangolare di calcio a scopo benefico, che nasce da un incontro presso la ASST di Monza – Ospedale San Gerardo di Monza, con il prof. Pietro Invernizzi e il dott. Marco Carbone MAF, l’Associazione AMAF, l’Associazione Medici Brianza e Milano Onlus e Vita Nuova, con lo scopo di cercare di divulgare quanto più possibile la conoscenza del problema “MAF – Malattie rare Autoimmuni del Fegato” e sensibilizzare tutti gli organi competenti, affinché si posso “agire” sia a livello sociale sia medico.

L’Associazione AMAF ha chiesto il sostegno dell’Associazione Medici Brianza e Milano Onlus, perché già in stretta collaborazione con l’Ospedale San Gerardo di Monza, nello specifico con il prof. Paolo Tagliabue, Direttore dell’Unità Operativa di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale della Fondazione MBBM – Monza e Brianza per il Bambino e la Sua Mamma, di cui l’Associazione Medici Brianza e Milano Onlus sostiene il “Progetto Family Room”.

1° Trofeo benefico di calcio – Città e Provincia di Monza Brianza
Perché Città e Provincia di Monza Brianza? Perché questo progetto è rivolto a tutti i Comuni della Brianza. Monza è la capofila come Provincia e come Città, ma vogliamo che sia il progetto di tutti i Comuni. Nostro intento è essere “tutti parte attiva” in un processo di costruzione per un futuro migliore, che solo la ricerca e la cooperazione può donare alle persone malate. Le malattie rare, anche se di pochi, non possono passare in seconda linea, ogni vita è preziosa e lo sforzo deve essere “comune” nella risoluzione. E questo evento benefico, giocato per la sua prima volta presso la stadio cittadino del COMUNE di ARCORE, vorremmo possa divenire un appuntamento annuale, girando Comune per Comune, a dimostrazione che “insieme”, non importa “dove”, si può costruire un futuro NUOVO.

Programma manifestazione
Ore 19.00: presentazione progetti, presentazione squadre partecipanti ed estrazione squadre
Ore 19.30: 1ᵃ Partita – Semifinale Squadra A vs Squadra B
Ore 20.10: 2ᵃ Partita – Semifinale Squadra C vs Squadra D
Ore 20.50: Finale 3° e 4° posto
Ore 21.30: Finale 1° e 2° posto
Le partite avranno la durata di 30 minuti. In caso di pareggio si andrà ai calci di rigore.
A seguire premiazione, estrazione premi lotteria, asta maglia dell’Inter, ricco buffet per gli ospiti e saluti finali.
La manifestazione gode del patrocinio di: Comune di Monza, Provincia di Monza e Brianza, Comune di Arcore, Comune di Bernareggio, Comune di Biassono, Comune di Cavenago Brianza, Comune di Cogliate, Comune di Concorezzo, Comune di Roncello, Comune di Ceriano Laghetto. Sarà seguita da testate giornalistiche, tv e social.
Animeranno la serata Roberto e Nick di “Sport In Condotta”, con la partecipazione della Nazionale Modelle.

Le squadre partecipanti sono:
1) ASSOCIAZIONE MEDICI BRIANZA E MILANO ONLUS
2) AMAF + ASST MONZA – OSPEDALE SAN GERARDO
3) ISTITUZIONALE
4) VITA NUOVA – STAR TEAM

Progetto IFMA01 – Il ruolo del microbiota intestinale nella colangite sclerosante primitiva
Questo progetto è proposto dai maggiori esperti italiani di questa malattia (prof.ssa Annarosa Floreani, prof. Pietro Invernizzi, prof. Domenico Alvaro, prof. Marco Marzioni). La colangite sclerosante primitiva (CSP) è una patologia colestatica cronica autoimmune che causa infiammazione e fibrosi dei dotti biliari impedendo un corretto deflusso della bile e che può con il tempo evolvere verso una malattia epatica terminale. A oggi, non è ancora stata individuata una causa scatenante della malattia e non è stata registrata alcuna terapia che abbia dato risultati significativi nel migliorare la prognosi a lungo termine. In considerazione della stretta associazione tra questa malattia e le malattie infiammatorie croniche dell’intestino (prevalentemente la rettocolite ulcerosa, ma anche il morbo di Crohn) che coinvolgono circa l’80% dei pazienti affetti, si sta sviluppando un interesse crescente in ambito di ricerca internazionale per chiarire le cause e i meccanismi che mettono in relazione l’intestino con la CSP. Sembra infatti che nei pazienti affetti, ci sia un aumentato transito batterico dall’intestino al fegato e che questo possa agire come causa scatenante lo sviluppo dell’infiammazione. In questo scenario, il maggior indagato è il microbiota intestinale. Tuttavia, la relazione tra tipi di batteri nell’intestino dei pazienti e il meccanismo patogenetico della malattia risulta ancora da chiarire.
Pertanto, l’obiettivo del nostro progetto consiste nell’individuare la presenza di una relazione tra il microbiota intestinale, lo sviluppo della malattia e la sua progressione in modo da aprire potenziali nuovi scenari terapeutici utili a migliorare la prognosi di questi pazienti e a rallentare il decorso della malattia. Per questo motivo, la ricerca ha bisogno di voi. Infatti, l’analisi e la coltura del microbiota necessitano di tecnologie di ultima generazione.

Fonte: comunicato ASST Monza

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu