fbpx
Caricamento

Type to search

Assistenza Medicina Rubriche Top

Alzheimer: i sintomi con cui si manifesta

Silvia Farina 3 Ottobre 2019
Social

Quante volte facciamo battute sul fatto di avere l’Alzheimer quando ci dimentichiamo le cose? Ci casco pure io, ma a volte mi chiedo se questo modo di scherzare può ferire chi con questa malattia ci combatte quotidianamente o se al contrario può spaventare. Bisogna stare attenti!

Una volta sentii un medico dire: “Non dovete preoccuparvi di dimenticare dove mettete le chiavi, ma se vi dimenticate come si usano”. Altri sintomi comuni possono identificarsi nella difficoltà di ricordare le parole, la difficoltà di esprimere i propri pensieri o di comprendere ciò che viene detto: da non confondere con la normale lentezza di azione/reazione riconducibile al comune processo di invecchiamento. Queste persone tendono a ritrarsi dalle conversazioni in cui intervengono più persone, perché seguire più argomenti diventa impossibile.

La società americana HOME INSTEAD SENIOR CARE è il più grande operatore al mondo nell’assistenza domiciliare (non medica e non infermieristica), presente in 18 nazioni con oltre 1000 agenzie. In Italia ha iniziato Torino nel 2011 e da diversi anni è attiva anche a Milano : lavora con CAREGiver® assunti direttamente dall’agenzia.

Informati qui

La difficoltà di riconoscere gli ambienti li porta a temere le uscite fuori casa, che però mascherano con scuse quali la stanchezza o il disinteresse per quanto sempre svolto esternamente.

Silvia Farina Home instead - scelta badante alzheimer
Silvia Farina

Generalmente la crescente difficoltà nel compiere le attività ordinarie, nell’interpretare ciò che li circonda e nello spiegare il proprio pensiero aumenta il nervosismo o l’irascibilità: questo atteggiamento va fisiologicamente a sommarsi alle reazioni di chi li circonda che non è ancora consapevole di avere a che fare con una malattia e non mette in atto i comportamenti adeguati, esasperando involontariamente le tensioni. Tutto questo, unitamente all’adozione di condotte anomale (improvvisa perdita dei freni inibitori, linguaggio scurrile, ansia generalizzata, brusca chiusura alla realtà esterna…..) non necessariamente sono sintomi di Alzheimer: potrebbero essere segnali di altri disagi!

E’ fondamentale non saltare alle conclusioni e procedere a consulti medici e/o valutazioni delle capacità cognitive nei centri specializzati. Gli stessi sintomi di cui sopra infatti possono essere riconducibili ad altri fattori come ad esempio eventuali interazioni dannose tra farmaci prescritti da medici diversi, non in comunicazione tra loro.

Tags:

Potrebbe interessarti

Menu