fbpx
Caricamento

Type to search

Medicina Rubriche Top

Gli anziani diventano come bambini? Non esageriamo…

Silvia Farina 23 Ottobre 2019
Social

Uno dei criteri cardine della mia selezione del personale risiede nell’ascoltare come gli operatori parlano delle loro esperienze assistenziali, in cui ricorrono spesso alle citazioni di aneddoti o riportano dialoghi intercorsi: appena sento appellativi come “nonno” – “tesoro” – “amore” li escludo. Tollero a fatica gli asettici “paziente” e “utente” e qualora diano del tu, concedo il beneficio del dubbio sulla capacità di modularsi secondo le mie indicazioni.

Mai ci sogneremmo di rivolgerci in questo modo ad un professore, un architetto o anche ad una signora, perché da parte nostra sarebbe una grave mancanza di riguardo: tale rimane se la persona è malata e incapace di farsi rispettare.

La società americana HOME INSTEAD SENIOR CARE è il più grande operatore al mondo nell’assistenza domiciliare (non medica e non infermieristica), presente in 18 nazioni con oltre 1000 agenzie. In Italia ha iniziato Torino nel 2011 e da diversi anni è attiva anche a Milano : lavora con CAREGiver® assunti direttamente dall’agenzia.

Informati qui

Parimenti l’uso di termini negativi fa sì che la persona si senta esclusa e trattata come un bambino e di conseguenza può diventare sempre più resistente a qualsiasi suggerimento o approccio. Esempi di termini negativi che mai ci permetteremmo di rivolgere ad una persona in condizioni di normalità sono: “non fare”, “smetti”, “non puoi”, “no”, “non dovresti”, “non sei più capace”, “non si fa così”.

L’uso di un linguaggio positivo consentirà loro di sentirsi più importanti e utili e aiuterà i caregiver a superare i loro atteggiamenti ostili. “Così rischia di farsi male, ho visto un nuovo modo di…”, “sono d’accordo con lei, tuttavia…”, “prendo comunque il cappotto così se poi ha freddo…”, “lasci che le insegni un trucchetto per riuscire a…”.

Silvia Farina Home instead - scelta badante alzheimer
Silvia Farina

Il rispetto della dignità di una persona passa attraverso queste e altre piccole attenzioni: la tuta è certamente più semplice da gestire, ma una bella camicia con una gonna e i collant, o una camicia con cravatta sono molto più dignitosi; come anche i capelli o la barba in ordine come se avessero ospiti o le unghie curate se avevano l’abitudine della manicure.

homeinstead
Tags:

Potrebbe interessarti

Menu